Nicolas de Tavernost di M6: “Avevamo ragione, ma era troppo presto” – TvZoom

Intervista a Nicolas de Tauernost – «M6 ha bisogno del digitale terrestre e il digitale terrestre ha bisogno di M6 »

Le Figaro, di Ivan Le Tessier e Caroline Salle, pag. 28

Dopo il fallimento del progetto di fusione con TF1 e lo “stop and go” su una vendita, M6 è pronta a scrivere una nuova pagina della sua storia?

Il nostro errore è probabilmente quello di aver avuto ragione troppo presto. La scorsa settimana Tim Davie, direttore generale della BBC, ha sostenuto la necessità di passare al digitale nel prossimo decennio. Il suo intervento avrebbe potuto essere incluso nel dossier che abbiamo presentato all’Autorità per la concorrenza. La fusione con TF1 era destinata a generare sinergie per massicci investimenti in streaming e contenuti. Questo consolidamento è stato una risposta all’incredibile grande impiccagione che sta sconvolgendo gli equilibri del settore audiovisivo. Purtroppo non ha avuto successo.

Come pensate di riprendervi?

Ci affideremo ai nostri fondamentali, che sono estremamente solidi. Il gruppo è in buona forma, sia in termini di finanze, di pubblico, di programmi ben identificati, di team o di coesione, dal momento che integriamo sia la produzione che la trasmissione. Abbiamo un azionariato di controllo stabile da almeno cinque anni. RTL Group continua ad avere fiducia in noi. Non è coinvolta politicamente, non ha indebitato il gruppo, gli lascia i mezzi per svilupparsi e non interviene nella sua gestione quotidiana. Inoltre, come M6 ha spesso dimostrato, sappiamo essere agili e innovativi. Se il gruppo ha suscitato tanto interesse negli ultimi mesi, soprattutto tra gli imprenditori di prestigio, è perché abbiamo un futuro.

Una nuova licenza di trasmissione per vom sembra essere un risultato scontato, in un momento in cui Xavier Niel, il candidato fallito per l’acquisizione di M6, sta pensando di presentare un dossier per sostituire il canale sul DTT?

Sono tranquillo. Per trentacinque anni, noi e i nostri team abbiamo costruito questo gruppo attorno a M6, che ha sempre rispettato gli impegni e le specifiche. Dal 2015, M6 è il canale preferito dai francesi. Cinque dei nostri conduttori sono nella top 10 dei personaggi televisivi preferiti dai francesi. L’M6 ha bisogno della DTT e la DTT ha bisogno dell’M6. Per esperienza, so quanto sia difficile creare un canale. Abbiamo investito molto e perso soldi per cinque anni. Con poche eccezioni, in particolare i canali specializzati, l’arrivo di nuovi operatori, nonostante le promesse fatte, non ha arricchito notevolmente il panorama audiovisivo francese. Alcuni canali sopravvivono, altri sono scomparsi o sono stati venduti. Sul DTT, i nuovi operatori sono spesso i primi ad andarsene. Perché la DTT è così importante, in un momento in cui tutti parlano di passare al digitale? Anche se dobbiamo prepararci fin da ora, questo grande passaggio avverrà gradualmente.

Che ne sarà di Salto, di cui sono azionisti M6, TF1 e France Télévisions?

Stiamo traendo le conseguenze della mancata fusione con TF1. Salto ha molte risorse, ma non potrà continuare sotto forma di associazione tra i suoi attuali partner. Il futuro di Salto dovrebbe essere più chiaro molto presto, probabilmente all’inizio del prossimo anno.

Qual è il nuovo piano strategico del gruppo M6?

La nostra strategia si basa sulla combinazione di un’offerta lineare e digitale ampiamente distribuita. Dobbiamo quindi investire in modo più significativo nello streaming gratuito, nell’AVOD. Abbiamo una base solida. 6Play è stata creata nel 2008. E stiamo abusando della nostra piattaforma tecnologica, grazie alla nostra controllata Bedrock. Affinché il pubblico continui a guardare i nostri canali o a connettersi a 6Play, e affinché i produttori di televisori accettino di collocare la vostra applicazione in una posizione di rilievo sullo schermo, è necessario un contenuto potente. Aumenteremo quindi i nostri investimenti nei programmi e nella produzione. Si tratta di un pilastro essenziale.

Cosa significherà concretamente questo investimento aggiuntivo?

Rafforzeremo la nostra posizione in due aree principali. Il primo riguarda la narrativa e le opere del patrimonio. In questo ambito, puntiamo a offrire documentari importanti, come quello che abbiamo acquistato sulla storia di Itvinenko. Stiamo anche studiando la possibilità di una soap opera quotidiana per il canale M6. Si tratta di un progetto che conterrà circa 30 milioni di euro all’anno, il che richiede tempo. È un formato che ha il vantaggio di adattarsi perfettamente allo streaming video.

(Continua su Le Figaro)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 4 =