manovra,-rispunta-la-proroga-del-superbonus-fino-a-fine-anno.-il-reddito-di-cittadinanza-torna-nel-mirino:-possibile-riduzione-a-7-mesi-–-il-fatto-quotidiano

Manovra, rispunta la proroga del Superbonus fino a fine anno. Il reddito di cittadinanza torna nel mirino: possibile riduzione a 7 mesi – Il Fatto Quotidiano

Si riaprono i giochi per la proroga del Superbonus. La possibilità di estendere al 31 dicembre i termini per usufruire dell’agevolazione piena, che sembrava ormai accantonata, vedrà la luce in manovra. La soluzione in extremis è stata confermata dal ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, nonostante 24 ore prima fossero invece circolate indiscrezioni opposte. La condizione è però che le delibere condominiali siano state approvate entro l’11 novembre. Sul nodo dei crediti incagliati, invece, la strada individuata è nel dl Aiuti quater e punta sulla garanzia di Sace, con la possibilità di una cessione in più per banche e assicurazioni. Intanto il reddito di cittadinanza torna nel mirino della maggioranza. E’ lo stesso relatore della manovra, Roberto Pella, a parlare della possibilità di una riduzione a 7 mesi, il che consentirebbe di liberare altri 200 milioni da aggiungere alla dote per le modifiche.

Superbonus – La proroga della scadenza (dal 25 novembre a fine anno) per presentare le Cilas beneficiando così dell’incentivo al 110%, proposta come emendamento al decreto aiuti quater, sembrava definitivamente saltata. Il motivo, ha spiegato il relatore Guido Quintino Liris (FdI), era di forma: il decreto arriverà in Aula al Senato non prima di martedì, ma servirà anche dell’ok della Camera, e quindi andrà a completamento a metà gennaio. Ovvero, fuori tempo massimo. Di qui l’idea di aggirare l’ostacolo inserendo la norma direttamente in manovra: la proposta, spuntata in mattinata, è stata avanzata al governo e alla maggioranza dallo stesso Liris, appoggiato poi direttamente da Giorgetti. Per superare l’altro scoglio legato al Superbonus, cioè lo sblocco dei crediti incagliati, la soluzione individuata – messa nero su bianco in un emendamento tra i riformulati – prevede di alzare da 2 a 3 le cessioni dei crediti ad intermediari ‘qualificati’, ovvero a banche e assicurazioni. Allo stesso tempo la Sace può concedere garanzie in favore di banche, istituzioni finanziarie e degli altri soggetti abilitati all’esercizio del credito, per finanziamenti sotto qualsiasi forma, “strumentali a sopperire alle esigenze di liquidità delle imprese”. Una soluzione che però per le opposizioni non risolve il problema. Per Misiani (Pd) si tratta di “aria fritta”.

Il reddito – L’ipotesi su cui lavora la maggioranza è garantire il reddito di cittadinanza per coloro che definisce “occupabili” solamente per 7 mesi, anziché per 8, come finora previsto dalla manorva. È tema di cui si è “parlato ieri nella riunione di maggioranza, è un tema che non abbiamo ancora definito, potrebbe essere molto probabile perché questo consentirebbe di liberare ulteriori risorse per circa 200 milioni che ovviamente andrebbero ad aggiungersi a quelle della manovra”, ha detto Roberto Pella, deputato di Fi e uno dei relatori della manovra, a 24 Mattino su Radio 24. La ministra Marina Calderone difende la misura: “Non si lavora a nessuna stretta sul reddito”, puntualizza. Ma diversi emendamenti segnalati come prioritari dalla maggioranza vertono su questo punto: c’è quello della Lega che blocca il reddito agli under29 che non facciano corsi di formazione, la proposta di Azione e Iv di cancellare il beneficio per gli under40 senza figli. Ma resiste anche la richiesta di Noi Moderati di introdurre un bonus alle imprese che assumono dopo 6 mesi i percettori del reddito e quella targata FdI che chiede che la parte relativa all’affitto del reddito vada ai proprietari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, Urso certifica la crisi di Taranto: “Difficoltà finanziaria e poca produzione. Così non si va avanti, declino inarrestabile da fermare”

next

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

57 + = 60