elon-musk:-aaa-cercasi-inserzionisti-pubblicitari-per-twitter-–-tvzoom

Elon Musk: AAA Cercasi inserzionisti pubblicitari per Twitter – TvZoom

Twitter si dimena nei suoi tentativi di attirare gli inserzionisti

New York Times, di Ryan Mac, Mike Isaac e Kate Conger, pag. 10

La Coppa del Mondo è sempre stata una manna per Twitter, con un traffico record e un afflusso di dollari pubblicitari. Ma questa volta, quando il torneo mondiale di calcio è iniziato il 20 novembre, le entrate pubblicitarie di Twitter negli Stati Uniti erano inferiori dell’80% alle aspettative interne per quella settimana, come hanno dichiarato tre persone a conoscenza dei dati. Di pari passo, Twitter ha rapidamente tagliato le sue proiezioni sui ricavi. In precedenza, la società aveva previsto di generare 1,4 miliardi di dollari negli ultimi tre mesi dell’anno, in calo rispetto agli 1,6 miliardi di dollari di un anno fa a causa della crisi economica globale. Ma poiché Twitter ha continuato a mancare i suoi obiettivi pubblicitari settimanali, questa cifra è scivolata a 1,3 miliardi di dollari, poi a 1,1 miliardi di dollari, hanno detto due persone. Elon Musk, il nuovo proprietario di Twitter, ha avvertito più volte che la sua azienda di social media si trova in gravi difficoltà finanziarie. Le interviste a sette ex dipendenti e i documenti interni visionati dal New York Times tracciano un quadro più completo dei problemi finanziari di Twitter. Molti dei problemi dell’azienda possono essere ricondotti all’acquisizione da parte di Musk a fine ottobre. Da allora, gli inserzionisti – che forniscono il 90% delle entrate di Twitter – hanno sospeso alcune spese sulla piattaforma, adducendo preoccupazioni sul modo in cui Musk potrebbe cambiare il servizio. Il miliardario, autodefinitosi “assolutista della libertà di parola”, ha ripristinato gli account vietati e ha abbandonato almeno una politica di disinformazione.

I ricercatori hanno rilevato che nelle ultime settimane i discorsi d’odio su Twitter hanno subito un’impennata. Musk ha alternato il corteggiamento degli inserzionisti al loro attacco. Il mese scorso ha minacciato un “name and shame termonucleare” dei marchi che avevano interrotto le loro spese su Twitter. La settimana scorsa ha brevemente litigato con Apple, che quest’anno avrebbe speso più di 180 milioni di dollari in pubblicità su Twitter, secondo quanto dichiarato da tre persone. L’attività pubblicitaria di Twitter è diventata così problematica che ha iniziato a offrire ai marchi ulteriori incentivi. Alcuni marchi si impegnano a fare promozioni solo in occasione di eventi, come il Super Bowl, con forti sconti o clausole che consentono loro di tirarsi indietro per qualsiasi motivo, secondo documenti interni e tre persone che hanno familiarità con gli sforzi. Le case automobilistiche sono tra gli inserzionisti più preoccupati, con General Mo- tors che ha sollevato dubbi sulla possibilità di condividere i dati di Twitter con Tesla, l’azienda automobilistica di Musk. “Non c’è stato alcun livello di fiducia da parte nostra nei confronti di Twitter, soprattutto dopo le frustate subite nelle ultime quattro settimane”, ha dichiarato Ellie Bamford, responsabile dei media globali di R/GA, un’agenzia creativa. Il mese scorso, IPG, la società madre di R/GA e una delle più grandi aziende pubblicitarie del mondo, ha raccomandato ai suoi clienti di sospendere la pubblicità su Twitter. Musk non ha risposto a una richiesta di commento. Anche prima che completasse il suo accordo per Twitter, gli inserzionisti hanno iniziato a esprimere i loro dubbi.

(Continua sul New York Times)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 2 =