domus-mercatorum,-meno-negozi-e-piu-amore-per-la-citta

Domus Mercatorum, meno negozi e più amore per la città

Sembra che l’edificio della Domus Mercatorum in piazza Erbe a Verona vada all’asta per poi essere trasformato in un contenitore per negozi, uffici e, forse, appartamenti. La base d’asta è di sette milioni di Euro. A tale cifra, alle quali si devono aggiungere i costi del restauro, le destinazioni d’uso previste saranno certamente le più redditizie possibile. Ma, la Casa dei Mercanti, considerato il suo valore simbolico e storico, meriterebbe ben altra attenzione.

La Camera di Commercio prima di permettere la trasformazione dell’edificio, che fa parte delle memorie della città, in un contenitore per attività che producono reddito avrebbe il dovere di interpellare i cittadini di Verona. L’ente ha infatti la proprietà giuridica della Domus Mercatorum, ma quella vera, quella ideale, è Verona, la cui storia è strettamente legata a questo antico edificio.

La città e i suoi abitanti hanno bisogno dei simboli che rappresentano le loro radici. Nel medioevo, il potere della città risiedeva proprio nella Domus Mercatorum in piazza Erbe, non in quella attuale, ma in una più modesta di legno. I mercanti e gli artigiani lì si riunivano e, tramite i gastialdoni (i capi delle Arti e dei Mestieri), eleggevano il podestà, oltre che una parte del Consiglio Maggiore.

Nel 1261 Leonardino Della Scala divenne il podestà della Domus Mercatorum, dove si riuniva il Consiglio dei mercanti veronesi, che deteneva il potere economico della città.

Nel 1301, Alberto I Della Scala, in memoria del passato mercantile della sua famiglia, favorì l’attività delle Corporazioni e fece costruire la nuova Domus Mercatorum, un palazzo in cotto e pietra veronese. L’edificio ha subito parecchie ristrutturazioni, ma l’impianto attuale è ancora quello degli Scaligeri.

Personalmente, ritengo che la Domus Mercatorum non meriti di ridursi in uno dei tanti contenitori direzionali e commerciali di cui la nostra città abbonda.

Spero che la nostra Pubblica Amministrazione e la Camera di Commercio non commettano l’errore di eliminare uno dei simboli della Verona medievale, che potrebbe essere il luogo ideale per un museo-laboratorio sulla storia della vita dei veronesi, della loro economia, del ruolo dell’Adige e dei mulini ad acqua e di cosa rappresentava nel passato la Domus Mercatorum.

Giorgio Massignan

VeronaPolis

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 4 =