“dolceriva-night”-presenta-il-suo-progetto-per-l’estate-a-spiaggia-olivi

“DolceRiva Night” presenta il suo progetto per l’estate a Spiaggia Olivi

La neonata associazione “DolceRiva Night” del presidente Nicolas Montagni ha incontrato nei giorni scorsi il consigliere comunale Simone Fontanella del Gruppo Polo Civico territoriale, titolare di delega ai giovani, al quale ha presentato il primo di una serie di eventi che l’associazione vorrebbe programmare, dal titolo ben augurante “Spiaggia degli Olivi estate 2023”. I giovani componenti della associazione hanno consegnato una decina di pagine che parlano dell’associazione, della descrizione dell’evento, degli aspetti organizzativi, dell’analisi Swot (uno strumento di pianificazione strategica usato per valutare i punti di forza, le debolezze, le opportunità e le minacce di un progetto), del piano economico e finanziario con schemi e grafici allegati.
Il primo appuntamento messo in programma si preannuncia di grande spessore, con ospiti di rilievo e sicuramente all’altezza della location.
“Ci riteniamo molto soddisfatti dell’attenzione che abbiamo finalmente trovato da parte della Amministrazione – scrive in una nota il Presidente – a partire dal sindaco Cristina Santi che ringraziamo di cuore. L’incontro dei giorni scorsi con il consigliere Fontanella lo consideriamo un buon punto di partenza con, da parte nostra, tutta la voglia e la necessità nel trovare spazi adeguati a noi giovani. Siamo certi che un primo progetto come questo non può che rappresentare un ottimo inizio”.
La nota prosegue ricordando come la Spiaggia degli Olivi sia stata per mezzo secolo un punto di incontro per generazioni di rivani, “…e vederla chiusa per più di trecento giorni all’anno è desolante, non solo per noi – scrive Montagni – ma per tutte quelle persone che giornalmente passano davanti con uno sguardo di malinconia. Qualche politico sta dicendo, magari prendendo spunto da noi giovani, “riaprite la Spiaggia degli Olivi”, bene, ma il focus dovrà essere “facciamo rivivere la Spiaggia degli Olivi” e invertiamo quei numeri da trecento giorni di chiusura a trecento giorni di apertura all’anno. Noi ci siamo!”.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 7 = 2