cuba-punta-su-bergoglio-per-trattare-con-gli-usa-–-paolo-manzo

Cuba punta su Bergoglio per trattare con gli Usa – Paolo Manzo

Maduro festeggia il suo 10° anno al potere. Un disastro dimostrato dai numeri

Ottimo articolo del Pulitzer Andrés Oppenheimer sul Miami Herald. Mentre il dittatore venezuelano celebra questa settimana in pompa magna, un controllo della realtà dimostra che la sua presidenza è stata molto più disastrosa di quanto si pensi. Con lui il Pil del Venezuela è crollato da 3 350 miliardi di euro nel 2013 ai 60 miliardi di oggi, l’83% in meno di attività economica in un decennio. La povertà del Venezuela è salita dal 40% della popolazione nel 2013 al 94% di oggi, secondo l’Università Cattolica Andrés Bello, l’Università Centrale e l’Università Simón Bolívar, con il Venezuela che ha superato Haiti nel 2020 come il paese più povero dell’America Latina.

Il tasso di inflazione è salito al 500% quest’anno dal 56% del 2013. I dipendenti pubblici guadagnano 12 euro al mese, il salario più basso al mondo. La produzione petrolifera del Venezuela è crollata da circa 2,5 milioni di barili al giorno nel 2013 a 690 mila barili al giorno quest’anno. Il traffico di droga e altre attività illegali rappresentano almeno il 20% del prodotto interno lordo del Venezuela. Almeno 15 mila venezuelani sono stati assassinati in uccisioni extragiudiziali da parte degli squadroni della morte di Maduro che per questo è indagato dalla Corte penale internazionale per crimini contro l’umanità. Più di 7,2 milioni di venezuelani sono fuggiti dal paese negli ultimi dieci anni, secondo le stime delle Nazioni Unite, il più grande esodo di massa nella storia dell’America Latina.

Quello che è successo in Venezuela negli ultimi 10 anni è un caso senza precedenti di distruzione economica. Nulla di simile è stato visto in qualsiasi paese che non abbia attraversato una guerra civile o un disastro naturale. Non c’è dunque da meravigliarsi che Maduro non permetta elezioni libere: non vincerebbe mai. Il suo unico modo di rimanere al potere è attraverso la pura repressione, spingendo milioni di persone infelici a lasciare il paese. I governi di sinistra di Colombia, Brasile, Messico e Argentina sembrano aver rapidamente dimenticato le atrocità dei diritti umani di Maduro.

Iran in Sud America: voli d’oro e navi da guerra

Pezzo al solito illuminante di Emili J. Blasco su ABC. L’Iran ha ben presente l’America Latina nella sua strategia per ottenere una maggiore influenza nel mondo: trae vantaggio dalla stretta collaborazione di alcuni governi alleati nella regione e beneficia di quelli che agiscono con ambivalenza guidati dal desiderio condiviso di ottenere un maggiore profilo internazionale. Entrambe le opzioni si sono viste negli ultimi mesi, con il caso dell’aereo iraniano ceduto al Venezuela e bloccato la scorsa estate in Argentina – l’intelligence israeliana ha appena fatto trapelare che era usato per trasportare oro a beneficio di Hezbollah–, e delle due navi da guerra iraniane che sono attraccate giorni fa a Rio, in viaggio verso il Canale di Panama.

Il Jerusalem Post ha rivelato, citando un ordine firmato dal ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, che era stata rilevata un’operazione per trasferire decine di chili di oro dal Venezuela in Iran, destinato al finanziamento delle attività terroristiche di Hezbollah. Il trasporto era avvenuto a maggio, su un aereo della compagnia iraniana Mahan Air. Tutto indica che si trattava proprio dello stesso aereo che, ceduto al governo del Venezuela e gestito dalla compagnia Emtrasur Cargo – un marchio creato nel 2020 da Maduro come filiale della statale Conviasa per ospitare i vettori di Mahan Air–, è stato trattenuto la scorsa estate ad Ezeiza, a Buenos Aires. Oltre a un gruppo di venezuelani, cinque iraniani viaggiavano su quel Boeing 747 detenuto in Argentina, tra cui il pilota, Gholamreza Ghasemi, ex generale dell’aeronautica della Guardia Rivoluzionaria iraniana, legato alle forze speciali Quds e Hezbollah.

Il fatto che la compagnia aerea Mahan sia sanzionata dagli Stati Uniti per aver prestato servizio per le operazioni della Forza Quds della Guardia Rivoluzionaria ha portato all’immobilizzazione della nave, con il disagio del governo di Alberto Fernández. In quel viaggio, l’aereo trasportava componenti di automobili caricati in Messico, il cui scopo non è mai stato chiarito; su un precedente volo per il Paraguay aveva raccolto spedizioni di sigarette di contrabbando. Le indagini del procuratore argentino hanno rivelato che nel maggio precedente quell’aereo aveva fatto un volo tra Caracas e Teheran (da lì ha viaggiato due giorni dopo a Mosca e ha fatto ritorno nella capitale iraniana). Questa rotta commerciale illecita dell’oro-un’attività in cui il regime di Maduro è direttamente coinvolto per il proprio finanziamento e il beneficio di diversi capi e fazioni – era già stata allertata in ottobre dalla Lloyd’s, che aveva denunciato che l’oro scambiato per il petrolio iraniano era poi venduto in Turchia e in altri paesi del Medio Oriente.

Strano anche il destino di due navi da guerra iraniane attraccate a Rio la scorsa settimana e che potrebbero dirigersi verso il Canale di Panama, il che metterebbe a dura prova le relazioni con gli Stati Uniti. A gennaio, dopo aver navigato attraverso l’Oceano Indiano e il Pacifico, l’IRIS Makran e l’IRIS Dena, una fregata con capacità missilistica anti-nave, si diressero verso il Sud America. Non ottennero il permesso dal Cile di entrare nelle sue acque, ma ottennero l’autorizzazione ad attraccare a Rio da Lula, il cui deus ex machina degli Esteri, Celso Amorim, oggi è da Maduro. Un’altra anomalia è stata che le navi iraniane non sono arrivate in porto nella data prevista e non è noto dove il Makran e il Dena abbiano passato un mese, anche se il centro SFS, un think-tank di Washington, suggerisce che aspettassero con i loro segnali spenti in acque argentine. La SFS ritiene che, nella loro rotta verso il Canale di Panama, le due navi da guerra di Teheran potrebbero fare scalo in Venezuela.

Il regime cubano è “disperato” per ammorbidire gli Stati Uniti ma la mediazione del Vaticano stavolta è prudente

La liberazione dei prigionieri politici dell’11 luglio potrebbe accelerare il ‘disgelo’, dice a 14ymedio, il sito di Yoani Sanchez, una fonte vicina alla trattativa. In sintesi: i cubani arrestati dopo le proteste dell’11 settembre sono la merce di scambio del governo dell’Avana nel suo riavvicinamento a Washington. Di fronte a un nuovo disgelo che non si è ancora avviato e alla crisi generalizzata che attraversa il Paese, la liberazione dei prigionieri politici con la mediazione del Vaticano e la loro accoglienza in Spagna è l’unica cosa che può accelerare il riavvicinamento tra Stati Uniti e Stati Uniti Isola. “La difficoltà è che Cuba cede sempre meno e il contesto politico internazionale non è lo stesso di vent’anni fa”, ha detto a 14ymedio una fonte vicina alle trattative, che ha chiesto l’anonimato.

L’aspirazione del regime, assicura, è quella di ripetere la strategia utilizzata con i 75 oppositori arrestati nel 2003, nella cosiddetta Primavera Nera, rilasciati diversi anni dopo e spinti, per la maggior parte, a lasciare l’Isola. Tuttavia, il successo del regime dipende dalla velocità del processo, e si trova di fronte a due negoziatori molto pazienti: la Chiesa cattolica, che volutamente ritarda ogni decisione, e il governo degli Stati Uniti, che deve valutare il peso dei cubano-americani in Florida prima di fare qualsiasi passo. Il governo cubano è interessato a far “benedire” ancora una volta il Vaticano per questo nuovo riavvicinamento con gli Stati Uniti, e ha l’appoggio di un buon numero di politici e uomini d’affari statunitensi.

Nella loro battaglia per l’approvazione di Francisco – un pontefice la cui simpatia per il regime dell’isola non è un segreto – le autorità cubane hanno lanciato una campagna per “santificare” Félix Varela, sacerdote cattolico e uno dei padri fondatori della nazione “per questo è stato improvvisato un incontro con il cardinale Stella all’Università dell’Avana”, spiega la fonte, “che aveva lo scopo di oscurare, con la presenza del presidente Díaz-Canel, l’incontro del cardinale con il mondo cattolico della cultura, nella costruzione del vecchio seminario San Carlos”. L’intervista che Stella ha rilasciato alla stampa dopo la sua visita, con la maestria di un diplomatico, è stato il suo modo per rivelare all’opinione pubblica che la questione dei detenuti era sul tavolo. “L’interesse di Díaz-Canel e dei gerarchi del regime per la visita di Stella era chiaro: volevano blandire politicamente la Chiesa e, ancora una volta, il Papa”.

Tuttavia, la “lentezza” della Chiesa nel convertire ufficialmente Varela nel primo santo cubano – questo processo di solito richiede decenni – non è nell’interesse del governo dell’Avana, che ha appena un anno e mezzo prima che torni a cambiare l’intera scena internazionale e gli Stati Uniti tornano a votare. Inoltre, la canonizzazione di Varela non sarà sufficiente per conquistare la simpatia degli Stati Uniti e accelerare il dialogo. “Serve un gesto spettacolare, per così dire: la liberazione dei prigionieri”, assicura la fonte. “La Spagna si è offerta di accogliere prigionieri che desiderano lasciare il territorio nazionale”, dice la fonte intervistata da 14ymedio. “La Spagna vuole avere un ruolo nella trattativa perché ci sono molti uomini d’affari spagnoli con interessi a Cuba.

Anche se molti sono stati rovinati facendo affari con l’Avana, i ‘grandi’, come Meliá e Iberostar, cadono sempre in piedi.” Ma la “salvezza” del governo di Cuba, chiarisce la fonte, non è la Spagna o la Cina, e nemmeno la Russia -nonostante la visita di funzionari russi nell’isola- ma gli Stati Uniti. La dittatura cubana desidera disperatamente questo contatto con Washington. Se nel 2024 vincesse le elezioni qualcuno più duro con Cuba, come Ron DeSantis, l’attuale governatore della Florida, tutto crollerà per loro”.

Paolo Manzo, 10 marzo 2023


Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

67 − = 65