cospito,-i-domiciliari-e-salomone

Cospito, i domiciliari e Salomone

 Foto Lapresse

Contro mastro ciliegia

Il Comitato di Bioetica ha deciso che Alfredo Cospito ha diritto a non essere alimentato, però anche no. Salomone non avrebbe fatto di meglio

Ci hanno pensato un mese, quindi ci si augura bene, prima di rispondere al quesito del ministro di Giustizia. Poi il Comitato di Bioetica ha stabilito che nessuno può sottoporre Alfredo Cospito, finché sarà in possesso delle sue facoltà, a “trattamenti sanitari” come idratazione e alimentazione forzata, che liberamente rifiuta: perché le sue Disposizioni anticipate di trattamento valgono anche per lo sciopero della fame al 41-bis.

Però il Comitato ha anche stabilito, in un giudizio salomonico invero piuttosto intorcinato, bisogna rileggere due volte per capire la ratio, che di fronte a un aggravamento i medici sono invece tenuti a intervenire, perché le Dat “sono incongrue, e dunque inapplicabili, ove siano subordinate all’ottenimento di beni o alla realizzazione di comportamenti altrui”, cioè a ottenere la revoca del 41-bis. Qualcuno dirà che è contraddittorio, qualcuno no. Ma ora Cospito ha depositato al tribunale di Sorveglianza di Milano una richiesta di differimento pena, per motivi di salute, chiedendo i domiciliari. E stavolta non ci sarebbe nessuna contraddizione, né logica né politica né umanitaria, ad accogliere una simile richiesta. La giustizia perfetta la si lasci a Salomone.

  • Maurizio Crippa
  • “Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

    E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini”

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 43 = 46