cinque-arresti-per-droga-in-trentino:-tolti-dal-traffico-4.5-kg-di-stupefacenti

Cinque arresti per droga in Trentino: tolti dal traffico 4.5 kg di stupefacenti

I controlli

Cinque arresti per droga in Trentino: tolti dal traffico 4.5 kg di stupefacenti

Sequestrata anche una pistola “Beretta” intestata a una donna di 94 anni deceduta. Le perquisizioni hanno fruttato anche 46 mila euro in contanti e 12,5 chilogrammi di sostanza da taglio

TRENTO. La Guardia di finanza di Trento ha arrestato cinque persone per traffico di stupefacenti, sequestrando oltre 4,5 chilogrammi di droga (1,5 chilogrammi di cocaina e tre chilogrammi di eroina), una pistola, 46.000 euro in contanti e 12,5 chilogrammi di sostanza da taglio.

L’arresto – si apprende – è avvenuto nell’ambito dei controlli stradali nel capoluogo trentino. I militari delle Fiamme gialle hanno notato un’auto con a bordo due persone percorrere ripetutamente un tragitto tra il centro storico e la stazione di Trento.

I finanziari hanno pedinato l’auto (intestata a una donna di 46 anni di origini portoghesi residente in provincia di Reggio Emilia) e hanno assistito alla consegna di un plico ad altre tre persone, di cui una nota per precedenti specifici. Il successivo controllo ha permesso di rinvenire un chilogrammo di cocaina nascosta nel sedile posteriore dell’auto e 30.000 euro in contanti, di cui 13.000 all’interno di uno zaino di tre persone di origini tunisina di età compresa tra 25 ed i 30 anni.

La perquisizione delle abitazioni degli arrestati ha permesso di rinvenire ulteriori 600 grammi di cocaina e 15.700 euro di denaro contante, tre chilogrammi circa di eroina, 12,5 chilogrammi di sostanza da taglio e una pistola Beretta risultata intestata ad un’anziana donna di 94 anni deceduta la scorsa estate.

Il livello di purezza della cocaina avrebbe permesso la realizzazione di almeno 4.500 dosi, per oltre 420.000 euro; mentre l’eroina avrebbe generato un guadagno di circa 270.000 euro. L’autorità giudiziaria ha disposto il trasferimento degli arrestati presso il carcere di Trento.

il racconto

Salvaterra, Patagonia stregata: “Ma ci tornerò”

A 67 anni, uno dei più forti alpinisti non soltanto italiani è tornato il mese scorso dopo l’ennesimo tentativo di aprire una nuova via sulla parete ovest della Torre Egger: “Ho visto il mio compagno cadere battendo sulle rocce, ho pensato che per lui fosse finita. Invece l’ho abbracciato e siamo scesi”


Elena Baiguera Beltrami

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

63 − 55 =