trieste-e-fvg,-emergenza-siccita.-oggi-nuovo-incontro-con…

Trieste e FVG, emergenza siccità. Oggi nuovo incontro con…

20.03.2023 – 10:00 – Le previsioni non sono positive. A Trieste e in tutta la regione Friuli Venezia Giulia si sta riscontrando una difficile situazione di siccità che segue un 2022 scarso di precipitazioni. Il direttore regionale della Coldiretti Fvg Cesare Magalini oggi affronterà l’argomento con il presidente della Regione Massimiliano Fedriga nel corso di un incontro che “vuole approfondire queste tematiche in una regione che pure negli ultimi mesi ha vissuto lunghi periodi di siccità”, ha precisato Magalini. Una preoccupazione che va avanti già da tempo e ci accompagnerà ancora. La siccità che attanaglia Trieste e la regione lascia infatti intravedere stagioni calde e difficili. Il problema non riguarda solo la mancanza della pioggia e l’aumento delle temperature, ma è molto più ampio, oltre agli incendi che hanno caratterizzato il nostro territorio nel 2022, purtroppo sono tante le industrie che dipendono dall’acqua. Lo stesso settore agricolo è in difficoltà. Secondo i dati forniti dall’Arpa, la crisi idrica che ha colpito la nostra regione dal 2022 non ha precedenti negli ultimi 30 anni. Crisi che ha già fatto diversi danni gravi nel nostro territorio, nel luglio 2022 con una vasto incendio sul Carso triestino, territorio sensibile al divampare degli incendi e rischiando nell’agosto 2022 di bloccare lavori importanti come la creazione del secondo binario Capodistria-Divaccia. La regione ha attivato un monitoraggio settimanale e ha avuto da Edison la disponibilità di 9 milioni di metri cubi d’acqua in più per il Friuli Venezia Giulia ed inoltre sta lavorando per la realizzazione di un masterplan affinché i soggetti gestori del servizio idrico possano fornire alla Protezione civile un aggiornamento della lista degli interventi urgenti per contrastare l’emergenza siccità in Friuli Venezia Giulia. Per far fronte a tutto ciò inoltre la regione promuove la “micro-irrigazione” oltre che la possibilità di limitare l’utilizzo dell’acqua in alcune zone. Già nel 2022 era stato proposto dal vicegovernatore Fedriga il “modello Vaia” ovvero il sistema di procedure sviluppato dalla Protezione civile regionale per consentire la rapida attuazione degli interventi per il ripristino dei danni causati dalla tempesta del 2018. Una situazione complessa quella che stiamo vivendo aggravata per di più non solo dalla siccità dell’estate 2022, quanto dalle precipitazioni nevose che sono state registrate ai minimi storici.

L’incontro di oggi sarà aperto dai saluti del delegato confederale Coldiretti Fvg Giovanni Benedetti, del sindaco di Udine Pietro Fontanini, del consigliere regionale Alberto Budai e dell’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Stefano Zannier. Moderati dal direttore del Messaggero Veneto Paolo Mosanghini, seguiranno gli interventi di Rosanna Clocchiatti, presidente associazione Consorzi di Bonifica Fvg, Angela Bortoluzzi, presidente Condifesa Fvg, Anna Turato, delegata regionale Giovani Impresa Fvg. Le conclusioni spetteranno al presidente della Regione Fvg Massimiliano Fedriga.

[c.v.]

Chiara Verdichizzi

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 + 1 =