sciopero-generale,-cgil-e-uil-contro-la-manovra-del-governo

Sciopero generale, CGIL e UIL contro la manovra del Governo

Mercoledì 14 dicembre la CGIL manifesta a Verona contro la Manovra del Governo con un presidio Cgil in Piazza Cittadella a partire dalle 10.

Per la Segretaria generale Cgil Verona Francesca Tornieri  «A fronte di una inflazione galoppante che toglie dalle tasche di ogni lavoratrice o lavoratore circa 173 euro al mese, il taglio del cuneo fiscale deciso da questo Governo vale appena 28 euro al mese su ogni busta paga fino a 1.500 euro netti. Una mancia risibile a fronte di una situazione socio-economica in costante e sensibile peggioramento. Nel frattempo – aggiunge Tornieri – con l’estensione del regime fiscale agevolato con imposta sostitutiva al 15% (la cosiddetta flat tax) si regala uno sconto fiscale di 9.600 euro all’anno ai professionisti con un reddito annuo di 85.000 all’anno, più del doppio del reddito lordo annuo di qualunque lavoratore o lavoratrice. Una misura che Banca d’Italia e Corte dei Conti hanno additato come costosa e possibile generatrice di forme di elusione fiscale. Per non parlare della normativa di favore costruita su molteplici provvedimenti di rottamazione delle cartelle esattoriali e l’innalzamento del tetto del contate».

L’altro tema di confronto sulla manovra riguarda le pensioni. Per Adriano Filice, Segretario generale Spi Cgil Verona: «L’attuale esecutivo fa quadrare i conti della legge di bilancio tagliando sulle pensioni (3,5 miliardi di euro di mancata rivalutazione degli assegni pensionistici nel 2023, ben 17 miliardi nel triennio) di fatto peggiorando le condizioni di vita di pensionate e pensionati nel bel mezzo di una delle più gravi crisi sociali del nostro Paese. Aumenta tutto: bollette, carrello della spesa, spese generali, e in questa situazione si privano le pensionate e pensionati di una parte del loro reddito. Con una mano si applica una tassa aggiuntiva sulle pensioni, con l’altra si condonano gli evasori»”.

Felice commenta anche l’annuncio del superamento della Legge Fornero: «Alle promesse non seguono i fatti – dichiara il sindacalista –. Si calcola che Quota 103, che ridimensiona anche la promessa di andare in pensione con 41 anni di contributi a prescindere dall’età, interesserà appena 11.340 persone su tutto il territorio nazionale. Opzione donna è stata di fatto svuotata, l’Ape sociale non è stata allargata né rafforzata. La platea di chi usufruirà di questi tre istituti è di appena 25.615 lavoratori in tutto il Paese, qualche migliaio in Veneto. Per tutti gli altri resta la Legge Fornero. Nessuna risposta, quindi, per chi svolge lavori gravosi, per i precoci, per la pensione delle donne e per quella dei giovani”.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 3 = 3