richard-sharp:-da-goldman-sachs-alla-bbc-–-tvzoom

Richard Sharp: da Goldman Sachs alla BBC – TvZoom

Intervista a Richard Sharp – ‘Devo chiedere a Rishi Sunak 350 milioni di sterline: un tempo ero il suo capo’

Sunday Times, di John Arlidge, pag. 6

Richard Sharp ha celebrato l’anno del centenario della BBC non godendo di nuovi episodi di Hancock’s Half Hour, ma prendendo una cotta per Tony Adams. L’ex difensore dell’Arsenal è stato la prima star di Strictly Come Dancing e Sharp amava le sue mosse. “Sharp ed io stiamo parlando alla Broadcasting House, la sua prima intervista da quando è stato nominato presidente della BBC un anno e mezzo fa. Il suo ufficio rivela che è dipendente da molto più di Strictly. Ha una dozzina di canali accesi contemporaneamente, non solo la BBC, ma anche Bloomberg, Al Jazeera e MSNBC. Sharp ha esattamente l’aspetto di un ex dipendente di Goldman Sachs che vale 200 milioni di sterline e che devolve in beneficenza il suo stipendio di 160.000 sterline all’anno. indossa quello che sembra un top con zip di Uniglo, poi ci si accorge che è di Zegna. Indossa scarpe da ginnastica Allbirds “per cercare di non sembrare un banchiere agli occhi dei media”. Non inganna nessuno. Il suo stile è assolutamente da Wall Street. Così come, a quanto pare, lo è il suo piano per l’azienda, che “ama ma che è in pericolo”. Secondo lui, l’opposizione politica e la stretta sui finanziamenti ne minacciano l’esistenza. Un rumoroso gruppo di campagna, chiamato Defund the BBC, sostenuto da politici e gruppi mediatici rivali, chiede l’abolizione del canone di 159 sterline, la tassa che ogni famiglia con un televisore paga per finanziare l’emittente, e la sua sostituzione con un abbonamento opt-in. Il congelamento del canone negli ultimi anni fa sì che le entrate dell’ente siano inferiori del 30% rispetto a dieci anni fa in termini reali. La soluzione di Sharp è quella di fare ciò che ha funzionato per Goldman Sachs e JP Morgan, dove ha iniziato la sua carriera. È determinato a introdurre rigore e responsabilità, a far fruttare il patrimonio della BBC e a ricordare a noi e al resto del mondo quanto sia importante l’azienda. Si tratta di una svolta radicale rispetto all’approccio leggero dei precedenti presidenti, che tendevano a essere figure patrizie dell’establishment. Non si tratta di Marmaduke Hussey o Chris Patten. Per Sharp, rigore significa imparzialità nelle notizie, che rimangono il biglietto da visita globale della BBC.

Poiché la BBC “è guidata da valori, non da profitti”, può riferire senza timori o favori. Possiamo denunciare la brutale repressione degli uiguri in Cina senza doverci preoccupare che i nostri affari in Cina ne risentano”. In un momento in cui alcune reti giornalistiche commerciali evitano alcune questioni, mandano in onda teorie cospirative e fake news o travisano la storia, noi dobbiamo continuare a essere leader nel mondo delle notizie attendibili”. Emily Maitlis ha “sbagliato” L’imparzialità inizia a casa. Emily Maitlis ha “sbagliato” a iniziare un notiziario di Newsnight nel maggio 2020 dicendo che “il Paese” poteva vedere che Dominic Cummings aveva violato le regole di isolamento quando si era recato a Barnard Castle “ed è scioccato che il governo non possa farlo”. È categorico sul fatto che “non siamo un’istituzione che fa campagna elettorale. Il nostro approccio è quello di presentare i fatti e non di dare spazio all’opinione di un’emittente”. Maitlis e la BBC nel suo complesso sono stati criticati da molti esponenti della destra – la patria naturale di Sharp – per la loro tendenza alla sinistra morbida. Ha donato 400 mila sterline al partito conservatore e ha votato per la Brexit. Concorda sul fatto che “la BBC ha un pregiudizio liberale”, ma insiste che “l’istituzione sta combattendo contro di esso”. Lui e Tim Davie, il direttore generale, hanno introdotto un piano in dieci punti sull’imparzialità, la formazione antibias e la revisione della produzione di notizie per contrastarla. Parte del problema è che la BBC è stata troppo centrata su Londra, “il che può creare un pensiero di gruppo”. Prendiamo la Brexit. “È stata una grande sorpresa per la BBC. La BBC non ha capito la ‘mente’ del Paese”.

Trasferire i dipartimenti da Londra al nord dell’Inghilterra, alla Scozia e al Galles, come sta facendo Davie, aiuterà a evitare lo stesso errore quando si scateneranno dibattiti controversi. Egli indica “le questioni economiche nel dibattito sull’indipendenza della Scozia”. La copertura delle notizie economiche e commerciali ha bisogno di una grande dose di rigore. “Ho qui Bloomberg TV per un motivo”, dice indicando lo schermo. “È eccellente. Dobbiamo alzare il tiro”. I corrispondenti e i redattori della BBC sono “di prim’ordine”, ma in tutta l’istituzione gli affari e la finanza “non sono compresi come dovrebbero. Dobbiamo fare un lavoro migliore per spiegarli, soprattutto quando l’inflazione costringe il governo e l’opposizione a fare scelte molto difficili”. Lui e Davie hanno avviato una revisione della copertura, iniziando ad esaminare come la società copre la tassazione e la spesa pubblica. Trasferimento a Manchester La revisione riconsidererà la decisione di spostare il dipartimento economico della BBC a Manchester? Secondo i critici, la distanza di 200 miglia dalla Banca d’Inghilterra, dal Tesoro, dalla City di Londra e da altre importanti istituzioni economiche e finanziarie ha indebolito la copertura, in particolare nel programma di punta Today di BBC Radio 4. “È più difficile per un’agenzia di stampa di questo tipo essere in grado di gestire la propria attività. “È più impegnativo per un team commerciale di Manchester, dato che la maggior parte degli affari si svolge a Londra. Ma c’è un’altra dinamica: l’effetto di ricaduta di un settore culturale positivo che cresce a Salford. Siamo un’istituzione per tutta la Gran Bretagna. Siamo tenuti a gestirci in modo inefficiente”, afferma. Davie e Deborah Turness, l’amministratore delegato di BBC News che si preannuncia come il prossimo DG, “devono far quadrare il cerchio. Devono andare in tutto il Regno Unito e occuparsi di notizie economiche e assicurarsi che lo facciamo dannatamente bene”.

(Continua sul Sunday Times)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

70 − 65 =