ministeri,-italia-viva-e-azione-votano-con-la-maggioranza-per-mantenere-la-parola-“merito”.-scontro-cuperlo-marattin-in-aula-–-il-fatto-quotidiano

Ministeri, Italia viva e Azione votano con la maggioranza per mantenere la parola “merito”. Scontro Cuperlo-Marattin in Aula – Il Fatto Quotidiano

Il polo centrista ha votato nella Camera contro gli emendamenti identici di Pd, M5S e Avs al Dl Ministeri che puntavano all’eliminazione della parola “merito” dalla nuova denominazione del ministero dell’Istruzione. I voti dei deputati di Italia viva e Azione si sono dunque sommati a quelli della maggioranza, facendo sì che gli emendamenti venissero respinti e si aprisse una nuova spaccatura all’interno dell’opposizione. In Aula è intervenuto per il Pd Gianni Cuperlo, secondo il quale la maggioranza “confonde l’idea del merito scolpito all’articolo 34 della Costituzione con l’ambigua categoria della meritocrazia”. A Cuperlo risponde il renziano Luigi Marattin, che si rivolge proprio al deputato dem. “Il punto fondamentale – ha detto – è comprendere che non esiste un’attenzione al merito senza un’ossessione verso l’uguaglianza delle condizioni di partenza, non di arrivo. Sentendovi parlare è troppo forte in me la tentazione di credere che voi, in realtà, vogliate l’uguaglianza delle condizioni di arrivo e non di partenza. Essa stessa, questa sarebbe il contrario del merito”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:

portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

La manovra arriva in Parlamento, ma non trova (quasi) nessuno: quando inizia il dibattito in commissione ci sono 7 eletti su 48

next

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

90 − = 88