come-guarderemo-la-tv-in-futuro?-–-tvzoom

Come guarderemo la Tv in futuro? – TvZoom

Il futuro dell’entertainment

New York Times, di Paul Sullivan, pag. 5

L’industria dell’intrattenimento è piena di contenuti. Su questo punto si è convenuto. Se questi contenuti rappresentino un’epoca d’oro per la creazione o un’epoca di eccessi dorati, in cui l’attenzione alla quantità ha danneggiato la qualità, è stato oggetto di un acceso dibattito da parte di una task force di dirigenti dell’industria dell’intrattenimento convocata dal New York Times in occasione del DealBook Summit tenutosi a New York il mese scorso. “Questa è un’epoca d’oro per gli artisti dei contenuti e per lo storytelling”, ha dichiarato Scott Galloway, professore di marketing alla Stern School of Business della New York University e popolare conduttore di podcast. “Netflix spenderà quest’anno più di tutti i contenuti televisivi e cinematografici degli anni ’80”. Ma Michael R. Jackson, scrittore vincitore del Premio Pulitzer, non è d’accordo. “Quello che lei descrive come un’età dell’oro per me è una sorta di età dell’antigolden, perché in realtà credo che la qualità si sia degradata a causa di una tale abbondanza”, ha affermato. “Voglio più discernimento. Voglio più controlli di qualità”. Jackson ha detto di voler “far tornare grandi i gatekeeper”. La task force di 10 persone, moderata da Brooks Barnes, giornalista di Hollywood del New York Times, ha cercato di rispondere alla domanda: Qual è il futuro dell’intrattenimento? I partecipanti hanno affrontato la questione principalmente da tre punti di vista: la creazione di contenuti, le piattaforme, come i servizi di streaming e le sale cinematografiche, e i modelli finanziari che forniscono i giusti incentivi e ricompense per portare a termine un progetto.

Come spesso accade, la discussione sui contenuti si è spostata su TikTok, con i membri della task force che hanno espresso una serie di sentimenti forti nei confronti della piattaforma di social media. Parlando dal palco principale durante la conferenza, il Segretario del Tesoro Janet Yellen ha definito TikTok una minaccia naturale per la sicurezza. Galloway si è detto d’accordo, definendo l’applicazione di proprietà cinese “lo strumento di propaganda per eccellenza”. “Se all’improvviso Disney Plus, Hulu, Netflix, HBO Max fossero tutti di proprietà di un’azienda cinese, cioè del PCC, saremmo d’accordo?”, ha chiesto, riferendosi al Partito Comunista Cinese. “Credo che questo sia il caso”. Tuttavia, altri membri della task force hanno visto TikTok come un modo per attirare nuovi spettatori, non per cannibalizzare o sostituire il pubblico esistente. David Linde, amministratore delegato di Participant, una società di produzione, ha raccontato che un giovane dipendente ha spinto per utilizzare TikTok per promuovere uno dei loro film, “Judas and the Black Messiah“. “L’abbiamo messo su TikTok e un milione di persone l’ha guardato in, non so, un paio d’ore o qualcosa del genere, il che è una portata enorme”, ha detto. Nessuno ha suggerito che guardare un film di 90 minuti in frammenti di 25 secondi su TikTok sarebbe stato un bene. Ma la discussione su nuove e diverse forme di contenuto ha portato a un robusto dibattito sul fatto che i servizi di streaming siano un’alternativa legittima alle uscite in sala o che la distribuzione attraverso i servizi di steaming stia snaturando la forma che i contenuti stanno assumendo.

(Continua sul New York Times)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

63 − = 60