christian-de-sica:-“un-cinepanettone-lo-girerei-di-corsa”-–-tvzoom

Christian De Sica: “Un cinepanettone lo girerei di corsa” – TvZoom

«Con le mie battute oggi finirei in galera»

Il Messaggero, di Gloria Satta, pag. 23

(…)

Voleva offendere l’Abruzzo?

«Ma scherziamo? Io amo quella Regione, ci porto i miei spettacoli, adoro i suoi vini. Con la battuta volevo offendere mio figlio che viene a cena solo per i soldi. Ormai bisogna stare attenti a tutto quello che si dice, e per un comico è un problema».

Si riferisce al pensiero politicamente corretto?

«Proprio così. Se rifacessi le cose di tanti miei film del passato, oggi andrei in galera. Ma si ride con il diavolo, mica con San Francesco. Le commedie sono cattive per definizione… ora ne vediamo tante eleganti ma addio a quei boati che 20 anni fa scuotevano i cinema».

Non si salva nessuno?

«Checco Zalone, che è il comico più scorretto che ci sia, se ne frega e ha un enorme successo. Gli altri stanno abbottonati per non rischiare di perdere i premi».

Perché non ha girato più cinepanettoni?

«Non me li ha offerti nessuno, ho 71 anni e non ho più l’età. Ma anche i giovanissimi che mi amano tanto mi chiedono di tornare a farli. Di recente ho ricevuto 1700 messaggi. Un cinepanettone lo girerei di corsa».

Perché ha preso parte a “Natale a tutti i costi”?

«È una commedia deliziosa, scritta benissimo. Nel cinema italiano mancano i bravi sceneggiatori. A differenza dei francesi, sono costretti a lavorare in pochissimo tempo».

Che copioni riceve in questo periodo?

«Devo dire che mi arrivano cose belle. Come Limoni d’inverno, il film drammatico di Caterina Carone che ho appena girato con Teresa Saponangelo. Racconta l’amore platonico tra due persone di mezza età, io sono un prof malato di Alzheimer. Poi c’è Ferie d’agosto 2, che farò l’anno prossimo con Paolo Virzì».

E il sequel della commedia-cult del 1996?

«Sì, ci siamo già incontrati con Virzì per discuterne. Intanto interpreterò la nuova serie del regista».

Ha un sogno?

«Portare sullo schermo il romanzo di Marco Lodoli I fannulloni come attore e regista. Sto cercando i soldi».

Anche lei si è sentito smarrito quando i suoi figli Brando e Mariarosa sono andati a vivere fuori casa?

«Quando mai, è stata una liberazione! (ride, ndr). Sono fortunato, i miei ragazzi non sono interessati e poi stanno sempre a casa perché si divertono. Con i figli di mio cognato Carlo Verdone e gli altri nipoti non siamo una famiglia ma una cooperativa».

C’è in giro un suo erede?

«Claudio Colica. È sensibile, colto, bravissimo. Ha un grande futuro».

(Continua su Il Messaggero)

(Nella foto Christian De Sica Angela Finocchiaro)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 1 = 3