vedelago,-minorenni-rubano-da-un

Vedelago, minorenni rubano da un

Vedelago, minorenni rubano da un'auto sei orologi, occhiali, giubbotti e uno smartphone

TREVISO – Ecco il corposo bilancio dei servizi di controllo del territorio svolti dai Carabinieri del Comando Provinciale di Treviso nelle ore scorse su tutto il territorio della “Marca”, finalizzato alla prevenzione generale dei reati ed al controllo della circolazione stradale.

Rintracciato e tratto in arresto a Montebelluna su ordine di espiazione pena in regime di detenzione domiciliare, emesso dal Tribunale di Venezia, un 59enne della zona, già noto alle Forze dell’Ordine, che doveva scontare la pena di 1 anno e 5 mesi per violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate in concorso, commessi nel 2010 a Treviso.

Rintracciato e tratto in arresto in esecuzione di ordine di espiazione pena in regime di detenzione domiciliare emesso dal Tribunale di Treviso, un 57enne di origini veronesi condannato alla pena residua di 4 mesi di reclusione per il reato di furto aggravato commesso in Castelfranco Veneto nel 2012.


Denunciato per ricettazione un 58enne di origini senegalesi dimorante nel montebellunese, sorpreso dai militari dell’Arma in piazza a Caerano San Marco in sella a una bicicletta marca “Montana” risultata rubata lo scorso 19 agosto a un 61enne di Montebelluna, cui è stata restituita.

Denunciato per guida sotto l’influenza dell’alcool un 32enne di origini colombiane che all’alba di oggi, in Treviso, viale della Repubblica, controllato alla guida della propria autovettura e sottoposto ad accertamento alcolemico, veniva riscontrato positivo con tasso pari a più di 1,70 g/l. Patente di guida ritirata;

Deferiti in stato di libertà, per furto aggravato in concorso, 4 minorenni di età compresa fra i 14 e i 17 anni che ieri pomeriggio a Vedelago, approfittando di un finestrino parzialmente aperto, asportavano dall’interno di una Mercedes di proprietà di un imprenditore 61enne della zona, parcheggiata in via Sile del centro, 6 orologi di pregio, uno smartphone, vari monili in oro, occhiali da sole e giubbotti, del valore complessivo di circa 20.000 Euro.

La refurtiva è stata interamente rinvenuta nella disponibilità degli indagati e restituita all’avente diritto. I minori sono stati rintracciati dopo poche ore, in nottata, grazie alle testimonianze decisive di alcuni cittadini ed ai riscontri raccolti dai militari dell’Arma in pochissimo tempo e hanno ammesso gli addebiti, indicando anche i luoghi ove avevano “disseminato” la refurtiva che avrebbero poi evidentemente recuperato, in un secondo tempo, se non fossero stati scoperti dagli operanti.


Segnalati all’Autorità Prefettizia due soggetti trovati in possesso, nel corso dei controlli, di complessivi grammi 4 di marijuana ed un soggetto di due involucri, del peso complessivo di quasi 3 grammi, di sostanza stupefacente del tipo cocaina;

– sanzionato con una multa un automobilista, controllato verso le 21 di ieri alla guida nel Comune di Cappella Maggiore, per guida con patente scaduta da oltre sei mesi;

-identificate, complessivamente, 250 persone e quasi un centinaio di veicoli, controllati anche una quindicina di locali in tutta la provincia senza ravvisare, al momento, violazioni di sorta.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *