ultra,-trasferte-vietate-per-i-tifosi-di-roma-e-napoli-dopo-gli-scontri-in-a1:-«oggi-il-decreto»

Ultrà, trasferte vietate per i tifosi di Roma e Napoli dopo gli scontri in A1: «Oggi il decreto»

di  Redazione Roma

Lo stop deciso  dal ministro dell’Interno Piantedosi: «Provvedimento oggi»

Divieto alle trasferte per i tifosi di Roma e Napoli, dopo gli scontri avvenuti tra gli ultras delle due squadre nell’autogrill di Badia al Pino. Lo stop poteva essere deciso attraverso la decisione dei prefetti partita per partita, o con una decisione del ministro dell’Interno quale autorità nazionale di pubblica sicurezza, con proprio decreto, come avvenuto nel 2014 per gli ultras dell’Atalanta. E così è stato.

Il riferimento normativo è la legge del 13 dicembre 1989 secondo cui il divieto può avere una durata non superiore a due anni per una determinata tifoseria. Lo stesso decreto prevede il divieto di vendita di biglietti nei confronti dei residenti della provincia delle squadre ospiti interessate. 

«Adotterò un’ordinanza, probabilmente oggi pomeriggio, che valorizzerà l’istruttoria fatta dall’Osservatorio sulle manifestazioni sportive» con qualche «provvedimento di prevenzione per i prossimi due mesi per quanto riguarda le trasferte delle tifoserie di Roma e Napoli» ha affermato il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi nel corso di un punto stampa a Trieste. E ha aggiunto: «Non si tratta di misure alternative ad altre individuali per responsabilizzare i singoli autori».

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Roma iscriviti gratis alla newsletter “I sette colli di Roma” a cura di Giuseppe Di Piazza. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

14 gennaio 2023 ( modifica il 14 gennaio 2023 | 15:10)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *