twitter-perde-4-milioni-al-giorno.-e-pensa-di-far-pagare-la-visione-delle-clip-–-tvzoom

Twitter perde 4 milioni al giorno. E pensa di far pagare la visione delle clip – TvZoom

Pubblicato il 07/11/2022, 17:04 | Scritto da La Redazione

Twitter perde 4 milioni al giorno. E pensa di far pagare la visione delle clip

Rinviato a mercoledì il nuovo servizio di abbonamento da 7,99 dollari al mese per le spunte blu: c’era il timore che potessero esserci fake per le elezioni di Midterm. Impossibile avere risposte alle molte domande sul futuro del social network: Elon Musk ha spazzato via, assieme a 3.700 dipendenti, anche il team di comunicazione

Twitter starebbe rimandando ogni cambiamento alla verifica degli account

New York Times, di Ryan Mac, Kate Conger e Mike Isaac, pag. 6

Secondo un post interno visionato dal New York Times e da due persone a conoscenza della decisione, Twitter sta ritardando il lancio dei segni di verifica per gli abbonati al suo nuovo servizio di abbonamento da 7,99 dollari al mese fino a dopo le elezioni di midterm. L’azienda ha preso questa decisione un giorno dopo aver annunciato l’avvio del programma che consente alle persone di ricevere un segno di verifica sul proprio profilo per il pagamento del canone mensile. Sabato scorso, nelle note che accompagnavano un nuovo aggiornamento dell’app di Twitter, l’azienda aveva dichiarato che il sistema di verifica a pagamento era ora una caratteristica del servizio di abbonamento del sito web, Twitter Blue. “Il potere al popolo”, si leggeva nell’annuncio. “Il vostro account riceverà un segno di spunta blu, proprio come le celebrità, le aziende e i politici che già seguite”. Ma molti utenti e dipendenti di Twitter hanno espresso il timore che i nuovi badge a pagamento possano creare confusione in vista delle elezioni di martedì, perché gli utenti potrebbero facilmente creare account verificati, ad esempio spacciandosi per il Presidente Biden, per i legislatori o per gli organi di informazione e pubblicando informazioni false sui risultati delle votazioni.

Sabato, in un canale Slack interno, un dipendente di Twitter ha chiesto perché il social network stesse “facendo un cambiamento così rischioso prima delle elezioni, che ha il potenziale di causare interferenze elettorali”: un manager che lavorava al progetto del badge di verifica ha risposto domenica che “abbiamo preso la decisione di spostare il lancio di questa release al 9 novembre, dopo le elezioni”. Twitter, il cui team di comunicazione è stato quasi interamente licenziato, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. L’addebito del programma di verifica era una delle modifiche apportate da Elon Musk, che ha rilevato Twitter alla fine del mese scorso con un’acquisizione da 44 miliardi di dollari. Il miliardario è sotto pressione finanziaria per l’operazione, che ha parzialmente finanziato con 13 miliardi di dollari di debito. Da tempo Twitter non è redditizia e, come altre aziende di social media, deve far fronte a un indebolimento della spesa pubblicitaria digitale mentre l’economia globale si avvia verso la recessione. Venerdì scorso, Musk ha licenziato circa la metà dei dipendenti di Twitter, ovvero circa 3.700 posti di lavoro. In quell’occasione ha dichiarato di non aver avuto altra scelta se non quella di effettuare i tagli perché l’azienda stava perdendo 4 milioni di dollari al giorno. Musk e i suoi consulenti hanno anche discusso vari modi per strappare più soldi a Twitter. Oltre al programma dei segni di spunta, hanno parlato di aggiungere al servizio i messaggi diretti a pagamento, che consentirebbero agli utenti di inviare messaggi privati a utenti di alto profilo, e di video “a pagamento”, che significherebbero che certi video non possono essere visualizzati a meno che gli utenti non paghino una tariffa. Si è anche discusso di ridare vita a Vine, un’antica piattaforma di video di breve durata.

(Continua sul New York Times)

(Nell’immagine il logo di Twitter)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *