semifreddo-alle-nocciole

Semifreddo alle nocciole

Il semifreddo alle nocciole è un dolce piuttosto classico, molto semplice, decisamente delizioso. Dopo una pausa durata un po’ di anni secondo me i semifreddi stanno tornando finalmente in auge. Ho scritto finalmente? Sì, finalmente, perché a me mancano le care vecchie torte Viennetta tipiche di tutto il periodo estivo, dalla domenica in famiglia alle serate con amici, dove c’era sempre qualcuno che portava una Viennetta o, se era davvero bravo in cucina, un semifreddo fatto in casa! Erano tempi più semplici e soprattutto adoravo quei dolci estivi, per cui eccomi qui, con un nuovo semifreddo per il blog, stavolta, appunto, alle nocciole: buonissimo!

 

Procedimento per preparare il semifreddo alle nocciole

Innanzitutto separate tuorli e albumi.
Preparate uno sciroppo con metà acqua e metà zucchero (portandolo a piena ebollizione, o a 121°C; nel frattempo iniziate a montare gli albumi e, una volta arrivato a temperatura, iniziate a versare lo sciroppo bollente a filo negli albumi mentre continuate a montare.
Continuate a montare finché la meringa non si raffredderà.

Fate la stessa cosa con i tuorli: mettete a fare lo sciroppo e nel frattempo iniziate a montare i tuorli, una volta pronto aggiungete lo sciroppo a filo continuando a montare finché non si sarà raffreddato.

Tritate grossolanamente le nocciole (ricordate di tritare solo i 150 gr, tenendo da parte quelle per la decorazione) e incorporatele ai tuorli.

Montate la panna, ben fredda di frigo.

Infine incorporate panna e albumi, poco per volta, mescolando delicatamente con una spatola, con un movimento dal basso verso l’alto.

Foderate lo stampo di pellicola per alimenti cercando di lisciarla per bene, versate il composto sulla pellicola, livellate bene al superficie e lasciate rassodare in congelatore per almeno 4-5 ore.
Una volta pronta, capovolgete su un vassoio o piatto da portata, rimuovete delicatamente stampo e pellicola e decorate a piacere.

Il semifreddo alle nocciole è pronto, non vi resta che servirlo.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.