ragazza-aggredita-a-soverato-per-aver-chiesto-lo-stipendio:-indagato-il-datore-di-lavoro

Ragazza aggredita a Soverato per aver chiesto lo stipendio: indagato il datore di lavoro

La Procura della Repubblica di Catanzaro ha aperto un’inchiesta sulla vicenda di Beauty Davis, la lavoratrice di 25 anni, di origini nigeriane, aggredita dal suo datore di lavoro, titolare di un lido-ristorante di Soverato in provincia di Catanzaro, perché aveva chiesto di essere pagata.

Il datore di lavoro, Nicola Pirroncello, di 53 anni, titolare del lido-ristorante “Mare Nostrum” di Soverato, è indagato per i reati di lesioni personali, furto e minacce. Reati commessi ai danni di Beauty, assunta come lavapiatti. Sulla vicenda la Procura di Catanzaro ha aperto un fascicolo. 

La giovane, che ha ripreso e trasmesso la scena dell’aggressione in un diretta social, si è presentata ieri nella sede della Compagnia di Soverato accompagnata dal suo avvocato, Filomena Pedullà per presentare denuncia. Il presunto aggressore è Nicola Pirroncello, di 53 anni, titolare del Mare Nostrum, incensurato, figlio di un carabiniere in pensione.

Soverato, lavoratrice malmenata e mandata in ospedale per aver chiesto lo stipendio

La violenza non deve essere praticata mai

“Situazioni del genere non dovrebbero accadere. Il buonsenso dovrebbe indurre tutti al rispetto delle persone, elemento prevalente sui soldi e qualsiasi altra cosa”, ha detto l’avvocata. “Al di là dunque dell’aspetto pratico della questione, e della somma di denaro che era dovuta a Beauty – ha aggiunto l’avvocato Pedullà – la violenza non deve mai essere praticata. La vicenda sarà valutata in tutti i suoi aspetti nelle sedi competenti”.

Diritti calpestati

L’episodio ha le reazioni sdegnate nei confronti del datore di lavoro e di solidarietà nei confronti della lavoratrice. Per il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, “il lavoro, che non deve in alcun modo somigliare alla schiavitù, si paga, sempre”. Duro il commento delle segreterie calabresi dei sindacati di categoria commercio e turismo Filcams Cgil, che parla di “diritti calpestati”, e Fisascat Cisl.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.