premio-luchetta:-i-vincitori-della-19esima-edizione

Premio Luchetta: i vincitori della 19esima edizione

Redazione 24 maggio 2022 20:29

Un Premio come un osservatorio sul mondo: dallo Yemen all’ Uganda, dalla “trappola” di Gaza nel mondo in pandemia, alla rotta mediorientale che dall’Afghanistan dei talebani conduce alla frontiera turca, all’occidente in cui si espande la sindrome da “alienazione parentale”. Anche quest’anno il Premio Giornalistico internazionale Marco Luchetta, con i suoi reportage, è specchio fedele delle criticità, delle guerre, dei soprusi che si accaniscono contro i cittadini più fragili di ogni tempo: bambine e bambini, adolescenti di qualsiasi latitudine del pianeta, troppo spesso vessati da sopraffazioni fisiche, morali, psicologiche. I vincitori della 19esima edizione (il cui bando è stato chiuso il 15 febbraio, prima dello scoppio della guerra in Ucraina) sono ancora i profesionisti dell’informazione che, grazie al loro lavoro, raccontano la loro infanzia rubata.

I vincitori del Premio Luchetta 2022

Per le TV News vince la 19esima edizione la giornalista Orla Guerin, che per BBC World News ha raccontato la devastazione degli edifici scolastici nello Yemen, dove è un bambino di 9 anni, Ahmed Rageeb, cieco dalla nascita, a guidare una classe nella scuola elementare Al Wahda Milad rimasta senza insegnanti, perché da anni non ricevono lo stipendio governativo.

Nella categoria Stampa Italiana il Premio Luchetta 2022 va al Corriere della Sera / La 27esima Ora per l’inchiesta realizzata da Rita Rapisardi e Federica D’Alessio sul fenomeno dei bambini strappati alle madri separate accusate di alienazione parentale. 

 Nella sezione Reportage, Premio Luchetta a Gregorio Romeo, Ambra Orengo e Gabriele Zagni per il servizio, in onda su Piazza Pulita La 7, dedicato alla ‘trappola’ di Gaza. Un lavoro realizzato da remoto in tempo di pandemia, cercando di restituire l’effetto dell’inchiesta in presenza. Cittadini e reporter sul campo hanno girato in coordinamento con la produzione, realizzando un racconto in presa diretta in un momento in cui viaggiare era impossibile.

 Per la Stampa Internazionale vince il giornalista Jason Burke, che ha documentato su The Guardian con il collega Samuel Okiror i crimini e la repressione del governo ugandese dopo le elezioni: un regime nel quale i bambini venivano arbitrariamente arrestati e detenuti. Non solo: spesso erano anche abusati sessualmente e fisicamente e a tutti loro veniva negato l’accesso alle famiglie.

 Infine per la sezione Fotografia Premio Luchetta allo scatto di Sedat Suna – Epapubblicato su The Guardian: un bambino afghano che si nasconde all’interno di un tubo fognario di cemento, dopo aver attraversato il confine dall’Iran alla Turchia.

Le premiazioni

Sarà la Presidente di Giuria Maria Concetta Mattei, Direttrice della Scuola di Giornalismo di Perugia, a consegnare i riconoscimenti ai vincitori sabato 4 giugno a Trieste, nell’ambito delle Giornate 2022 del Premio Luchetta in programma al Teatro Miela di Trieste il 3 e 4 giugno.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.