oltre-5-milioni-di-euro-nell'astigiano-per-sei-opere-contro-il-dissesto-idrogeologico-–-atnews.it

Oltre 5 milioni di euro nell'Astigiano per sei opere contro il dissesto idrogeologico – ATNews.it

Confermato da parte del Governo lo stanziamento di oltre 59,3 milioni di euro per il Piemonte. Sono 87 i progetti finanziati attraverso il PNRR per le “Misure per la riduzione del rischio di alluvione e idrogeologico”, di cui sei nella provincia di Asti per un totale di 5.200.000 di euro.

Opere astigiano

«Abbiamo lavorato e ci siamo confrontati fin dal primo giorno in cui il Governo ha iniziato a parlare di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – ripercorrono il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore ai Trasporti e Infrastrutture della Regione Piemonte Marco Gabusi -. Era fondamentale che per la nostra Regione ci fosse una parte consistente legata agli interventi contro il dissesto idrogeologico. Il Piemonte negli ultimi tre anni, soprattutto in alcuni territori, è stato fortemente colpito da questo tipo di calamità, creando ingenti danni, sia da un punto di vista ambientale che per le colture e le imprese».

Gli interventi sono realizzati nel rispetto delle disposizioni contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 agosto 2022. Le eventuali rimodulazioni dell’elenco degli interventi sono sottoposte all’approvazione del Capo del Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio. Inoltre, si provvederà all’individuazione degli obblighi delle parti, con cui saranno regolamentate le modalità per l’attuazione, il monitoraggio, la rendicontazione e il controllo degli interventi.

Proseguono Cirio e Gabusi: «Questo dialogo costante con Roma ci ha portato a uno stanziamento rilevante che oggi diventa realtà e possiamo finalmente comunicare che ci sono stati assegnati 59 milioni di euro per 87 interventi sul territorio piemontese a favore di Comuni, Province, Agenzia interregionale per il fiume Po, che andranno a migliorare notevolmente le condizioni di sicurezza idraulica e anche la viabilità dei nostri territori».

Gli interventi passano dai lavori di adeguamento del sistema arginale di fiumi e torrenti fino al rifacimento di ponti accesso tra aree di pertinenza e consolidamenti spondali.

Un caso esemplare è l’intervento nel Comune di Bubbio: «Anche qui è previsto un intervento di difesa idraulica che ammonta a circa 3 milioni di euro. In quest’area tutta una zona industriale è stata pesantemente colpita da un’alluvione che ha portato all’esondazione del fiume Bormida – continuano Cirio e Gabusi -. Bubbio ha fatto da capofila nella lista dei danni subiti a partire dal 2017, che comprende anche altri paesi vicini e ha bloccato diverse produzioni. Finalmente con queste risorse interveniamo su una situazione ferma da anni».

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *