non-si-ferma-la-protesta-degli-ambulanti:-oggi-altro-sit-in-e-martedi-nuovamente-in-corteo-–-atnews.it

Non si ferma la protesta degli ambulanti: oggi altro sit-in e martedì nuovamente in corteo – ATNews.it

Continuano intanto la tensioni tra gli ambulanti che fanno riferimento al GOIA e quelli invece della Commissione mercatale.

Sit in ambulanti

Continua anche oggi pomeriggio la protesta degli ambulanti del mercato di piazza Alfieri e Piazza Libertà ad Asti, che contestano le decisioni dell’Amministrazione comunale in merito al nuovo orario di apertura dei banchi, ridotto dalle 19:30 alle 15:30.

La protesta non si fermerà al sit-in di oggi, dove, analogalmente a quanto accaduto mercoledì scorso, i mercatali stazione random con i propri furgoni oltre l’orario di chiusura, ma continuerà anche la prossima settimana. Martedì prossimo è previsto un incontro in Prefettura con la partecipazione della categoria e dell’Amministrazione comunale: al termine gli ambulanti hanno già annunciato una nuova protesta davanti al Municipio.

Rimane intanto la spaccatura nel fronte dei mercatali tra quelli rappresentati dal G.O.I.A. e chi fa riferimento alla commissione mercatale. Nei giorni scorsi sono state raccolte le firme per sfiduciare la commissione uscente, azione che però secondo Raffaella Gigliodoro, rappresentante della commissione (con
Elio Ferrero, Cristiano Maschio, Maria Maraventano, Salvatore Campisi e
Valeria Zanellato)  non ha alcun valore legale. “Quello che stanno facendo alcuni miei colleghi non ha alcun valore, la commissione rimane in funzione fino a quando i rappresentanti non decidono di dimettersi di loro spontanea volontà”.

Rimangono anche le critiche sulla linea dura messa in atto da una parte dei suoi colleghi: “Tutte queste vicende ci hanno già fatto capire che in passato con il muro contro muro non si va da nessuna parte: solo grazie al dialogo con l’Amministrazione comunale e noi della commissione siamo riusciti ad ottenere un prolungamento dell’orario. Quella di questi giorni è una protesta inutile e fine a sé stessa”.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *