non-ce-l’ha-fatta-il-bambino-caduto-con-la-minimoto-al-kartodromo-di-ala

Non ce l’ha fatta il bambino caduto con la minimoto al kartodromo di Ala

dramma

L’incidente il 22 luglio. Mathis Bellon, 8 anni, francese, si stava allenando per il Campionato di velocità. Era stato trasportato d’urgenza a Verona

TRENTO. Ha combattuto per sei giorni Mathis Bellon, 8 anni, francese, rimasto ferito venerdì 22 luglio al kartodromo di Ala, dove si stava allenando con una minimoto in vista di una competizione del Campionato nazionale velocità. 

Dopo essere caduto con la sua minimoto, era stato travolto da un altro motociclista.

Sul posto sono intervenuti gli operatori di soccorso, con l’elicottero sanitario, i vigili del fuoco e i carabinieri di Ala, a cui sono affidati i rilievi.

Sul posto erano subito intervenuti gli operatori di soccorso e vista la gravità della situazione il bimbo era stato portato d’urgenza con l’elicottero all’ospedale di Verona. 

Tutti speravano nelle incredibili capacità di ripresa dei bambini. 

Ma Mathis non ce l’ha fatta. 

Dolore infinito nel mondo delle moto che Mathis tanto amava. «Purtroppo, noi in quella gara c’eravamo. Il clima non era festoso perché c’era apprensione per Mathis che Venerdì è stato protagonista di un bruttissimo incidente. Tutto lo staff di Even-T non può far altro che unirsi al cordoglio per una tragedia immane. È brutto scrivere quando succedono queste cose, quando in uno sport che porta allegria e adrenalina le cose non vanno per il verso giusto. Ciao Mathis!», è il ricordo postato su Facebook.

«Piccolo Mathis, non abbiamo parole per esprimere la tristezza che ci pervade. Resterai per sempre nei nostri cuori», scrive Cnv, il Campionato nazionale Velo. «Uniti nel cordoglio alla Famiglia Bellon, il nostro piccolo angelo».

inquinamento

L’Agenzia per l’ambiente: “Eccezionali condizioni meteo, effetto impattante sulle acque marine”

maltempo

Perturbazione dall’Atlantico, colpirà tutto il Nord. Possibili anche grandinate

la tragedia

Al funerale della piccola lasciata da sola in casa per sei giorni dalla madre ci saranno anche i sindaci di Milano e San Giuliano. La nonna: «Di mia figli non voglio più sapere nulla»


Francesca Brunati e Igor Greganti

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.