mutilazioni,-abusi-e-scosse-elettriche.-il-silenzio-sulle-torture-di-maduro-–-paolo-manzo

Mutilazioni, abusi e scosse elettriche. Il silenzio sulle torture di Maduro – Paolo Manzo

L’Onu accusa Maduro di crimini contro l’umanità

Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite, le urla si diffondono spesso nei corridoi del Helicoide, la sede dei servizi segreti venezuelani, scrive oggi il Washington Post. All’interno dell’imponente edificio a forma di spirale nel centro di Caracas, hanno scoperto che i detenuti – spesso giornalisti, attivisti o oppositori del governo – sono regolarmente sottoposti a stupri, scosse elettriche, mutilazioni, asfissia e altri tipi di tortura. Gli ordini per gli abusi di solito provengono dal livello più alto del governo: il presidente e la sua cerchia ristretta, secondo il nuovo rapporto delle Nazioni Unite.

Il rapporto reso noto l’altro ieri a Ginevra è il terzo pubblicato dalla Missione d’inchiesta delle Nazioni Unite sul Venezuela dal 2019, quando il Palazzo di Vetro ha iniziato a valutare le violazioni dei diritti umani nel Paese. Questo è il rapporto più crudo e le prove del rapporto indicano Maduro, i suoi più stretti alleati e due servizi di intelligence militari e civili dello Stato: la Direzione generale del controspionaggio militare (DGCIM) e il Servizio nazionale di intelligence bolivariano (SEBIN), responsabili. Nell’Helicoide, dove opera il SEBIN, si legge nel rapporto Onu “gli ordini sostanziali provenivano principalmente dal presidente Maduro” mentre Diosdado Cabello, ex vicepresidente del Paese e membro dell’Assemblea nazionale, forniva l’elenco degli obiettivi da detenere, soprattutto civili, critici di alto profilo e membri dell’opposizione.

Secondo il rapporto, il governo poi sorveglia questi obiettivi prima di piazzare prove false su di loro, arrestarli senza mandato o rapirli. Le torture vanno dalle minacce di morte contro le loro famiglie all’alimentazione forzata con feci e vomito. Alcuni sono messi su “la señorita”, un dispositivo che solleva e deforma i corpi prima di immergerli in una vasca d’acqua. Altri sono tenuti nudi in una stanza con temperature gelide, sotto luci intense e in isolamento, un abuso che distorce i sensi. I detenuti hanno spesso subito violenze sessuali. Stesso modus operandi a Boleíta, che ospita le celle e gli uffici amministrativi della DGCIM e dove sono detenuti gli ufficiali, alcuni dei quali sono accusati di aver complottato contro Maduro o di non aver mostrato sufficiente sostegno al regime. A Boleíta i funzionari della DGCIM hanno creato un gioco con un lungo bastone in cui “i detenuti cadevano all’indietro sul bastone per vedere se entrava nel loro ano”, denuncia il rapporto Onu.

Inoltre i detenuti sono costretti a condurre “sessioni di tortura” sugli altri detenuti. “Le guardie chiedono di colpire altri detenuti sulla testa, dopo averli costretti a saltare su e giù e poi a inginocchiarsi, mentre sono nudi”, scrivono gli investigatori Onu. Il rapporto descrive anche gli abusi nell’Arco Minero dell’Orinoco, una striscia di terra mineraria aurifera nel sud del Venezuela. Per questo dal 2015 quasi 7 milioni di persone sono fuggite dal Venezuela. La scorsa settimana, Maduro ha dichiarato che Petro gli ha chiesto di fare da garante nei colloqui di pace che inizieranno alla fine dell’anno tra il governo colombiano e l’Esercito di Liberazione Nazionale, il più grande gruppo guerrigliero di sinistra del Paese. La domanda da fare a Petro è: può una persona accusata di tali crimini contro l’umanità essere garante in un trattato di pace?

Cile: accusato di aver ucciso la moglie il caso era diventato una serie Netflix, ma ora la sua innocenza è stata provata e chiede un risarcimento milionario

Jaime Anguita era stato accusato di aver ucciso la moglie, Viviana Haeger, una donna cilena scomparsa per 42 giorni nella città di Puerto Varas, in Patagonia, e poi trovata morta nella soffitta di casa sua. Il suo caso era stato così discusso nel paese che è stata persino realizzata una serie su Netflix, ancora oggi fruibile sulla tragedia, da cui è stato però assolto. Ora Anguita ha citato in giudizio lo Stato cileno per $ 1.998.125.980 (Usd 2.129.426) per i danni, carcere compreso.

Cuba: domenica si vota per approvare matrimonio, adozioni gay e utero in affitto

Cuba sottoporrà a referendum domenica il Codice di Famiglia, un pacchetto legislativo che include il matrimonio gay e la maternità surrogata. Il nuovo testo prevede anche la possibilità di adozione ai matrimoni tra persone dello stesso sesso e regolamenta l’utero in affitto. La Chiesa ha invitato a votare No ma la vittoria del Sì è scontata visto che così ha deciso il partito comunista cubano.

 L’ex presidente colombiano Pastrana: “Al Qaeda si finanzia con il narcotraffico di Maduro”

L’ex presidente colombiano ha denunciato che il gruppo terroristico Al Qaeda si sarebbe finanziato con attività di narcotraffico mediate dal regime di Nicolás Maduro in Venezuela. Pastrana ha assicurato che il Cartel de los Soles, un’organizzazione diretta dalla dittatura chavista e da alti ufficiali delle forze militari venezuelane, ha prima aperto una rotta della droga attraverso Honduras e Messico, e più tardi ha stabilito un “nuovo percorso” diretto in Nord Africa “dove i governi sono più facili da corrompere, e da lì andrebbe in Spagna, in particolare ai cartelli galiziani, e in altre parti d’Europa.” Pastrana, oggi presidente della Central Democrat International (IDC) ha affermato che i “leader africani” lo hanno informato “negli ultimi mesi” che “Al Qaeda si sta finanziando con le risorse del narcotraffico” gestite da Maduro in questa nuova rotta di cocaina diretta in Europa e Medio Oriente.

Il Texas designa i cartelli messicani come gruppi terroristici

Il governatore del Texas Greg Abbott ha chiesto ieri formalmente al presidente Joe Biden di dichiarare diversi cartelli della droga messicani “organizzazioni terroristiche”, citando la crescente minaccia del fentanyl, oppiaceo sintetico che lo scorso anno ha ucciso per overdose oltre 70 mila americani. Abbott ha ordinato al Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Texas di istituire una divisione per i cartelli messicani con l’obiettivo di smantellare le infrastrutture di questi gruppi. La missione della nuova unità sarà quella di “colpire, sequestrare e smantellare le infrastrutture, i beni, i veicoli e gli edifici utilizzati dalle organizzazioni terroristiche straniere per contrabbandare droga e persone in Texas e in tutto il Texas”, pubblica oggi El Paso Times.

“Il Texas si sta facendo avanti per togliere queste bande e queste droghe mortali dalle nostre strade”, ha detto il governatore. “Il Fentanyl è un killer clandestino e i texani sono vittime dei cartelli messicani che lo producono e lo importano. Le loro ultime armi di scelta sono i milioni di minuscole pillole contenenti fentanyl che riversano attraverso il nostro confine meridionale”, si legge nella lettera inviata da Abbott a Biden. “Di conseguenza, è necessario, ora più che mai, che voi designiate il Cartello di Sinaloa, il Cartello di Jalisco – Nuova Generazione e tutti i cartelli della droga messicani con caratteristiche simili come organizzazioni terroristiche straniere”.

Gli Stati Uniti aprono ai migranti cubani

Per la prima volta dal 2017, Washington riprende a emettere visti nella sua sede diplomatica a L’Avana, ha annunciato ieri l’amministrazione Biden. Il cambiamento, che sarà operativo dal 1° gennaio 2023, consentirà ai cubani che richiedono un visto di immigrazione per motivi familiari di sostenere un colloquio all’Avana invece di recarsi nel Paese sudamericano della Guyana, com’è ora. Ad aprile funzionari americani e cubani hanno avuto colloqui a Washington in aprile, i più alti da quando Biden è entrato in carica l’anno scorso. Nell’ambito del riavvio della migrazione, ad agosto gli Stati Uniti hanno riavviato anche il programma di ricongiungimento familiare cubano (Cuban Family Reunification Parole Program), che fornisce un modo legale ai cubani di riunirsi negli Stati Uniti, e hanno aumentato il personale dell’ambasciata. A settembre l’immigrazione clandestina annuale dei cubani negli USA ha superato i 200 mila, record di sempre.

Paolo Manzo, 22 settembre 2022

Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.