migranti,-tre-bambini-e-tre-donne-morte-di-sete-su-un-barcone-arrivato-a-pozzallo

Migranti, tre bambini e tre donne morte di sete su un barcone arrivato a Pozzallo

Ancora bambini morti di sete su un barcone diretto verso l’Italia dove sei persone hanno perso la vita disidratati per la lunga permanenza in mare. A perdere la vita due piccoli di 1 e 2 anni, un 12enne e tre donne tra cui la madre di altri due bambini rimasti da soli.  

I loro corpi sono stati trovati su una barca, in mare da diversi giorni, soccorsa dalla Guardia costiera arrivata questa mattina a Pozzallo.  A confermare la notizia la rappresentante per l’Unhcr Chiara Cardoletti: ” Sei rifugiati siriani, tra cui bambini, donne e adolecenti, hanno perso la vita in mare. Sono morti di sete, fame e gravi ustioni. Questo è inaccettabile. Rafforzare i soccorsi in mare è l’unico modo per prevenire queste tragedie”.

A Pozzallo, ad assistere i sopravvissuti, c’è lo staff di Unhcr. Gravissime le condizioni dei 26 sopravvissuti tutti con profonde ustioni per la lunga permanenza al sole. Non si sa ancora da dove fosse partita la piccola barca su cui viaggiavano, tanto piccola che a bordo non c’era alcun riparo. A bordo siriani e afghani.

La nuova tragedia arriva pochi giorni dopo la morte di Loujin, la bimba, siriana anche lei morta di sete il 6 settembre, dopo che il barcone sul quale era salita insieme alla mamma, al papà e alla sorellina di un anno e mezzo, vagava da dieci giorni nel Mediterraneo senza che nessuno rispondesse alle richieste di aiuto

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.