liberty-media-ha-reso-la-formula1-sostenibile

Liberty Media ha reso la Formula1 sostenibile

Gli investitori si inseriscono nel piano per la ripresa dello sport di Liberty Media

Financial Times, pagina 2, di Samuel Agini.

Non molto tempo fa, Liberty Media – la società controllata dal miliardario statunitense John Malone – chiedeva pazienza nel tentativo di rinvigorire la Formula Uno, la serie automobilistica mondiale. Ora, però, la F1 sta vivendo un momento di grande successo, dopo l’emozionante duello in campionato dello scorso anno tra Lewis Hamilton della Mercedes e Max Verstappen della Red Bull, e dopo il Gran Premio inaugurale di Miami di questo mese. Ha anche attirato milioni di nuovi fan grazie a Drive to Survive, il documentario di Netflix.

Liberty Media ha corso un rischio quando ha acquisito F1 per 8 miliardi di dollari, debito compreso, nel 2017. Lo sport è stato guidato per decenni da Bernie Ecclestone, l’ex commerciante di auto che ha trasformato la F1 in un fenomeno globale. «C’erano un sacco di cose che non capivamo», dice al Financial Times Greg Maffei, amministratore delegato di Liberty Media. «Ma sulle cose che contavano avevamo ragione». Lo sport rischiava di diventare stantio quando Liberty Media è intervenuta. In pista, Hamilton e la sua squadra erano forse troppo dominanti, mentre Ecclestone aveva trascurato i social media e i giovani fan a favore di un pubblico maschile più anziano e ricco di denaro. La F1 aveva bisogno di essere più competitiva e all’avanguardia dal punto di vista digitale, aumentando al contempo il suo appeal negli Stati Uniti.

Sopravvissuta al Covid-19

«C’era l’opportunità di creare un prodotto migliore in pista e un’esperienza in rete, per renderlo più attraente sia per i tifosi, perché più competitivo, sia per gli investitori nei team», dice Maffei. «Tutto ciò creerebbe un volano che andrebbe anche a nostro vantaggio». Ma le trattative per modificare l’economia di questo sport hanno inizialmente vacillato a causa dei disaccordi con Ferrari, Mercedes e Red Bull, i team più dominanti, e i piani per l’espansione negli Stati Uniti si sono trascinati.

Poi, nel marzo 2020, è scoppiata la pandemia del piano di rilancio dello sport di Liberty Media. La gara inaugurale in Australia è stata annullata e i team hanno temuto per la loro vita finanziaria. I ricavi della F1 sono crollati del 43% a 1,1 miliardi di dollari. Maffei ha elaborato un piano di recupero. Liberty Media ha spostato le attività per rafforzare il bilancio della F1 con 1,4 miliardi di dollari in contanti, ha offerto una garanzia ai team privati delle entrate e ha rielaborato il calendario per organizzare 17 gare nonostante le restrizioni sui viaggi. Drive to Survive, nel frattempo, ha attirato un maggior numero di spettatori femminili e di fan più giovani.

Il rilancio

L’anno scorso i ricavi sono risaliti a 2,1 miliardi di dollari. La risposta alla pandemia è servita a sottolineare la disperata necessità di un cambiamento. Le squadre in testa alla griglia hanno accettato la proposta di Liberty Media di dividere i ricavi in modo più equo. Nonostante l’opposizione di Ferrari, Mercedes e Red Bull, tutti i team hanno accettato di limitare le spese individuali a 145 milioni di dollari, escludendo i costi di marketing e gli stipendi dei piloti. L’obiettivo è garantire che le gare vengano vinte con un uso accorto dei fondi piuttosto che con spese illimitate.

Le nuove vetture introdotte in questa stagione facilitano i sorpassi e dovrebbero rendere le gare più emozionanti. Le critiche erano state rivolte al fatto che le vetture precedenti causavano “aria sporca”: turbolenze che rendevano difficile per i piloti avvicinarsi agli avversari. Gli investitori stanno accettando la visione di Maffei. La nuova economia dello sport consente ai team di generare profitti anziché perdite. Negli ultimi 20 mesi, Dorilton Capital ha pagato 152 milioni di euro per la Williams; Ineos, l’azienda petrolchimica, ha acquisito un terzo del team Mercedes F1; le società di investimento MSP Sports Capital e Ares Management hanno acquistato la McLaren. Anche grandi aziende tecnologiche come Google e Oracle hanno sponsorizzato dei team.

Nuovi team

Nel 2026, Porsche e Audi, i marchi di proprietà della casa automobilistica tedesca Volkswagen, intendono partecipare alla competizione. «Ora, la squadra di base probabilmente vale almeno 500 milioni di dollari», afferma Maffei. «Probabilmente è di più, stanno rifiutando cifre probabilmente superiori». L’espansione della F1 negli Stati Uniti con il Gran Premio di Miami si aggiunge a un programma che già prevedeva il Gran Premio degli Stati Uniti in Texas. Inoltre, lo sport ha raggiunto un accordo per correre a Las Vegas a partire dal novembre del prossimo anno. Con gli eventi in Brasile, Canada e Messico già in calendario, Liberty Media ha aumentato il numero di gare in una fascia oraria importante.

«Mai dire mai, ma non abbiamo in programma altri eventi negli Stati Uniti oltre ai tre già esistenti», afferma Maffei. «Il nostro pubblico principale è in Europa… riconosciamo il nostro patrimonio». Un punto di riferimento per il successo di questo sport in America sarà il suo nuovo contratto di trasmissione. L’attuale contratto con ESPN, il canale statunitense di proprietà della Disney, aveva un valore a una sola cifra e scadrà presto. Il prossimo accordo con gli Stati Uniti potrebbe avere un valore compreso tra i 50 e i 100 milioni di dollari, secondo una persona a conoscenza dei contratti di trasmissione della F1.

Diritti tv

«Penso che il prossimo accordo sarà sostanzialmente più alto», afferma Maffei. «La nostra crescita negli Stati Uniti non è finita». La F1, tuttavia, ha attirato critiche per la sua espansione in giurisdizioni che, secondo gli attivisti, non hanno una buona reputazione in materia di diritti umani. I piloti hanno discusso se andare avanti con il Gran Premio di Jeddah in Arabia Saudita dopo l’attacco missilistico a un deposito di petrolio vicino alla pista a marzo.

(Continua su Financial Times)

(Nella foto un Gran premio di Formula1)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.