istituto-per-il-credito-sportivo,-utile-netto-in-crescita-agenzia-di-stampa-italpress-–-italpress

Istituto per il Credito Sportivo, utile netto in crescita Agenzia di stampa Italpress – Italpress

Intesa San Paolo, Piazza Belgioioso, Incontro su Responsabilita’ Sociale dell’ Imprenditore verso il Territorio, Master SBS; Andrea Abodi (Milano – 2013-06-06, Nicola Marfisi) p.s. la foto e’ utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e’ stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

L’Istituto per il Credito Sportivo ha chiuso il primo semestre con un utile netto, pari a 25,2 milioni (+69,6% rispetto al 31 dicembre 2021). Confermata la solidità patrimoniale dell’Istituto, con un Common Equity Tier1 ratio al 75,3%, così come la posizione di liquidità con LCR pari a 2.236,6% e NSFR >100%. L’NPL ratio netto è in lieve riduzione, attestandosi al 4,4% (-2,2% rispetto al dato di fine 2021 e -11,1% rispetto al dato del primo semestre 2021), mentre il tasso coverage dei crediti deteriorati sale al 59,1% (+3,3% rispetto al dato di fine 2021 e +8,2% rispetto al dato del primo semestre 2021). Il ROE (depurato dall’effetto della riserva da valutazione) cresce al 2,6% rispetto all’1,6% di fine 2021 (+62,5%) e il Return On SREP si attesta al 15,9% in salita rispetto al 9,9% del 31 dicembre 2021. “Continua il percorso di crescita dell’Istituto – dichiara il presidente di ICS Andrea Abodi – seguendo e rispettando quanto previsto nel piano industriale 2020-2023. I risultati del primo semestre di quest’anno, i migliori della storia dell’Istituto, sono il frutto dell’impegno qualificato del nostro capitale umano, che opera quotidianamente per assicurare ai clienti sostegno finanziario e supporto strategico, necessari per contrastare la crisi e contribuire allo sviluppo sostenibile delle infrastrutture sportive e culturali, materiali e immateriali. In questo quadro – aggiunge -, l’esponenziale aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia rende necessaria e indifferibile un’azione ancor più incisiva da parte nostra, attraverso nuovi strumenti finanziari che stiamo sviluppando, anche mediante il confronto e il coordinamento con le istituzioni competenti, per supportare le aziende che stanno affrontando un periodo di significative difficoltà, intercettando anche ulteriori misure comunitarie rispetto a quelle del Pnrr. In questo quadro, è di grande importanza evidenziare che i lusinghieri risultati economici raggiunti dalla banca pubblica dello Sport e della Cultura tornino alla collettività, attraverso la devoluzione dei dividendi di pertinenza del Mef – nostro principale partecipante al capitale – al Fondo contributi in conto interessi, gestito da ICS, che consente di finanziare in modo agevolato gli investimenti destinati alle infrastrutture sportive”, conclude. “Lo sviluppo del portafoglio prodotti e l’estensione a nuovi settori e segmenti, come previsto dal Piano Industriale, ha consentito all’Istituto di ampliare e diversificare le forme di sostegno al mondo dello sport e della cultura – evidenzia il direttore generale Lodovico Mazzolin – Accanto al tradizionale supporto dei grandi e piccoli progetti di investimento infrastrutturale dei Comuni e delle associazioni sportive, siamo oggi in grado di sostenere anche le necessità di finanziamenti a breve termine degli operatori del settore. Inoltre, l’ottimizzazione del costo della raccolta ha consentito, in questa prima parte dell’anno, di contenere il costo dei finanziamenti a beneficio della clientela. Infine, un’attenta gestione finanziaria ha consentito, in un contesto di mercato complicato sul reddito fisso, di conseguire interessanti risultati”.

Riguardo ai risultati operativi, nel primo semestre dell’anno, l’Istituto ha accompagnato la crescita delle iniziative sportive e culturali con nuove erogazioni per circa 92 milioni, in linea con il dato registrato al 30 giugno 2021, pur in assenza di finanziamenti agevolati a sostegno della liquidità e della cultura – non presenti nelle manovre pubbliche del 2022 – al netto dei quali il risultato registrerebbe una crescita del 55%. La tenuta delle erogazioni è senz’altro frutto anche dell’attuazione delle azioni strategiche delineate dal Piano Industriale, in particolare della diversificazione per prodotto e per segmento, con l’offerta factoring e attraverso la componente cultura. Nel corso del primo semestre sono stati concessi nuovi affidamenti per 104,4 milioni, in crescita di circa il +131% rispetto al primo semestre 2021, al netto della componente liquidità e cultura al momento non presenti nel 2022. Con riguardo ai risultati economici, l’utile netto, pari a circa 25,2 milioni, risulta in crescita di 14 milioni rispetto al dato del primo semestre 2021. Riguardo alle voci patrimoniali, il totale attivo risulta pari a circa 3,5 miliardi (+3,4% rispetto a fine 2021). La raccolta si attesta a circa 3,3 miliardi, in crescita di 0,2 miliardi rispetto al dato di fine 2021.

(ITALPRESS).

-foto agenziafotogramma.it-

Vuoi pubblicare i contenuti di Italpress.com sul tuo sito web o vuoi promuovere la tua attività sul nostro sito e su quelli delle testate nostre partner? Contattaci all’indirizzo info@italpress.com

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.