ischia,-vigili-del-fuoco-al-lavoro-anche-stanotte-per-cercare-i-dispersi

Ischia, Vigili del fuoco al lavoro anche stanotte per cercare i dispersi

(Adnkronos) – (dall’inviata Elvira Terranova) – I Vigili del fuoco si preparano a un’altra notte di lavoro a Casamicciola. A mani nude cercano le cinque persone che ancora mancano all’appello. Dopo il ritrovamento dei sette cadaveri, tra cui una neonata trovata tra le braccia della sua mamma, si continua a scavare. “Stanotte le nostre squadre continueranno a cercare, soprattutto nel punto in cui è stata trovata la bambina con il ragazzo – spiega all’Adnkronos il capo della Comunicazione dei Vigili del fuoco, Luca Cari, che da ieri segue da vicino l’evolversi della situazione -E’ molto probabile che in quel punto ci siano gli altri dispersi”. Ma è complicato “perché quella zona si raggiunge solo a piedi – spiega Cari – Non possono arrivare né mezzi né ruspe e neppure escavatori. Si può raggiungere solo a piedi”. Poi aggiunge: “Abbiamo cominciato a liberare le strade per consentire il passagio dei mezzi di soccorso, ma qui non riusciamo a usare bobcat o escavatori”. Dunque, i vigili del fuoco stanno portando sul luogo “attrezzature da taglio più pesanti, perché ci sono dei solai e dei tetti di cemento, ed è tutto sommerso dal fango”. Nella notte le difficoltà “sono ancora maggiori, è complicato muoversi, perché il fango è molto alto e si affonda”, dice ancora Luca Cari.  

In questi giorni, i Vigili del fuoco hanno anche usato gli esperti Tas, Topografia applicata al soccorso. “Con i droni è stata fatta una mappatura dell’area della frana – dice Luca Cari – Hanno sovrapposto le immagini vecchie con quelle attuali, per capire quali siano le case che non ci sono più perché portate via dalla frana”. Sono almeno le case trascinate o sommerse dal fango. La zona più colpita è lungo la via Celario, sopra Casamicciola terme.  

“Abbiamo subito cominciato a concentrarci sulle ricerche dei dispersi – dice Luca Cari – su quella via abbiamo trovato ieri subito la ragazza di 31 anni, e oggi abbiamo trovato una bambina un ragazzo di 16 anni, forse il fratello, si presume siano loro”, perché ancora non c’è stato il riconoscimento ufficiale. “Abbiamo recuperato nella casa attaccata a monte una mamma con il neonato di 20 giorni, lo teneva stretto in braccio. Poi, un uomo, una donna”. Alla fine i morti accertati sono sette. E cinque i dispersi. 

Sono in tutto 150 i vigili del fuoco al lavoro, coordinati dal Comandante di Napoli, Adriano De Acutis. “Ma non sono impegnati solo sulle operazioni di ricerca -dice Luca Cari – stiamo portando anche assistenza popolazione e recupero dei beni”. Non solo. I sommozzatori da stamattina “hanno cominciato a fare immersioni per verificare se c’è qualcuno nelle autovetture trascinate e domani inizieremo ricerca strumentale, con ecoscandagli per verificare se troviamo altri corpi”.  

Tutto il movimento di uomini e mezzi è coordinato dal Centro operativo nazionale al Viminale, con i vertici dei Vigili del fuoco, a partire dal Capo dipartimento Laura Lega, al capo del Corpo Guido Parisi e il direttore centrale per l’emergenze Marco Ghimenti.  

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *