infermieri-e-oss-allo-stremo:-“ora-basta,-paghe-da-fame-e-stress-alle-stelle,-nessuno-ci-rispetta”.

Infermieri e OSS allo stremo: “ora basta, paghe da fame e stress alle stelle, nessuno ci rispetta”.

Infermieri e OSS cagliaritani figli di un Dio minore? Nei fatti si. Continuano ad essere sottopagati e in evidente bornout da stress continuativo: “ora basta, trattateci da persone umane”.

A Cagliari Infermieri e OSS sono allo stremo. All’ospedale Brotzu, ad esempio, continuano i racconti di colleghi che si definiscono “figli di un Dio minore, sottopagati e in chiaro Burnout”.

Qua è prevista la visualizzazione di un video Youtube, ma non può essere visualizzato perché non hai dato il consenso all’istallazione dei cookie di tipo Marketing. Se vuoi visualizzare questo video devi dare il consenso all’installazione dei cookie Marketing. Vai nelle Impostazioni cookie e abilita i cookie Marketing.

A raccogliere le lamentele di Infermieri ed Operatori Socio Sanitari il collega di Casteddu On Line Paolo Rapeanu.

Ad esempio Antonina Usala: “gestisco 15 ambulatori da sola, i politici vivono in un mondo virtuale e non ci aiutano”.

Mentre Sandro Busa: “ho anche preso il Covid al lavoro, arrivo a malapena a 1500 euro mentre i miei colleghi ne prendono almeno 1700”.

La metà dei reparti chiusi per mancanza di personale, che è insufficiente, troppi pazienti da gestire, stipendi inadeguati. Eccoli, gli sos di chi lavora al Brotzu, il più grande ospedale sardo. Hanno deciso di metterci la faccia, infermieri e Oss, pronti a tornare a protestare a settembre. La sanità isolana che va sempre più a rotoli? “Non è colpa nostra”.

La chiarissima ricostruzione di Antonina Usala.

Antonina Usala ha 57 anni, è di Maracalagonis ed è infermiera nella stroke unit: “Vivo una situazione bruttissima, sono sotto di tre fasce di pagamento rispetto ad altri colleghi, 154 euro lordi in meno. E la metà dei reparti sono chiusi, altro che ospedale al top”..

Il motivo dei reparti sbarrati?

Non c’è personale. Tra Covid ferie e pensionamenti c’è un infermiere ogni 14 posti letto, prima il rapporto era di uno a sette.

Un raddoppio, che travolge gli infermieri…

Mi occupo, da sola, di 15 ambulatori e 24 agende elettroniche. Lavoriamo tutti in mezzo al virus. I politici stanno in alto, in un mondo virtuale, lontano dai problemi, non hanno rispetto dei nostri sacrifici.

Ancora più pesante l’intervento di Sandro Busa.

Ha 58 anni e da tredici e mezzo conosce alla perfezione ogni centimetro del reparto di Neurochirurgia, invece, Sandro Busa: “sono Oss, vengo a lavorare con l’ansia e ciò va a discapito anche dei pazienti stessi. Turni da 36 ore settimanali, reperibilità di otto o dieci ore, soprattutto l’essere sottopagato”.

Ecco il tris di problemi principali che sfiancano l’operatore socio sanitario: “i colleghi di tutte le altre aziende sanitarie sono più pagati, qui si arriva a malapena a 1500 euro, altrove ne prendono 1650 o 1700. Al Brotzu vengono ricoverati anche pazienti con il Covid che necessitano di interventi chirurgici. Anch’io sono stato contagiato e, di conseguenza, vivo una situazione di ansia. Oggi protesto, domani continuerò a farlo per cercare di far migliorare le mie condizioni lavorative e salariali. Ci sono troppe situazioni gravi che vanno migliorate”.

Più chiaro di così…

L’articolo Infermieri e OSS allo stremo: “ora basta, paghe da fame e stress alle stelle, nessuno ci rispetta”. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.