il-movimento-5-stelle-non-cambiera-la-regola-del-doppio-mandato

Il Movimento 5 stelle non cambierà la regola del doppio mandato

Manca solo al conferma ufficiale dopo l’uscita di numerose indiscrezioni da fonti parlamentari. Nel frattempo la ministra Mara Carfagna, ex Forza Italia, sceglie di passare con Azione di Carlo Calenda: tutte le notizie politiche della giornata

Un’altra giornata di campagna elettorale, di trattative sulle alleanze, di annunci e di polemiche. Mancano meno di due mesi alle elezioni politiche del 25 settembre e Domani segue gli sviluppi con un liveblog costantemente aggiornato. Clicca qui per vedere le ultime notizie.


Cosa c’è da sapere

  • Il Movimento 5 stelle annuncerà oggi che non ci saranno deroghe alla regola dei due mandati. Oltre 50 parlamentari non potranno ricandidarsi, tra cui alcuni volti noti, come il presidente della Camera Roberto Fico.
  • Silvio Berlusconi dice che Forza Italia punta a ottenere il 20 per cento dei voti e ad esprimere così il presidente del Consiglio per conto della coalizione di centrodestra. Forza Italia è data dai sondaggi intorno al 7 per cento.
  • La ministra per il Sud Mara Carfagna ha annunciato che dopo essere uscita da Forza Italia entrerà in Azione, il partito di Carlo Calenda.

Liveblog

14.30 – Europa Verde contro Calenda

Europa Verde, uno dei potenziali membri della coalizione di centrosinistra guidata dal Pd insieme a Sinistra Italia, prende di mire il leader di Azione Carlo Calenda. «Calenda, dopo essersi autocandidato a fare il premier, oggi si candida a fare il front runner della coalizione, ma di quale non si sa. Per noi Calenda può fare il front runner di se stesso», hanno detto oggi Angelo Bonelli e Eleonora Evi, coordinatori di Europa Verde. La scorsa settimana, Calenda aveva definito il loro partito «frattaglie di sinistra» e aveva messo un veto alla loro partecipazione alla coalizione.


14.10 – Tajani su reddito di cittadinanza e vincolo di mandato

Il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani ha proposto di aumentare le pensioni togliendo risorse al reddito di cittadinanza e di inserire il vincolo di mandato in Costituzione. «Recuperando soldi dal Reddito di cittadinanza, che all’inizio era basato su un principio giusto ma che e’ stato applicato malissimo, si possono trovare fondi per aumentare le pensioni minime e quelle dei disabili, per tagliare il cuneo fiscale, cioè le tasse alle imprese, e permettere agli imprenditori di mettere più soldi nelle buste paga», ha detto Tajani. E sul vincolo di mandato: «Non è un segreto, noi già nella scorsa campagna elettorale proponemmo norme contro il cambio casacca dei parlamentari, c’è la necessità di avere un vincolo di mandato, fermo restando che il parlamentare è libero nella nostra costituzione».


13.50 – Brunetta soddisfatto dai risultati del governo Draghi

Il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta, uno dei recenti fuoriusciti da Forza Italia, celebra i risultati del governo Draghi in occasione della pubblicazione dei dati Istat sulla crescita economica: «Il governo Draghi ha lavorato bene, addirittura benissimo! Lo dicono i numeri dell’Istat sulla crescita. Ha lavorato così bene, che tra i Paesi del G7 nel 2022 l’Italia sarà quello che crescerà più di tutti. Anzi, mentre gli altri partner vedono le loro stime di crescita per l’anno in corso corrette al ribasso e nel momento in cui gli Stati Uniti entrano in recessione tecnica, noi dovremmo aspettarci ulteriori correzioni al rialzo».


13.30 – Salvini e la Russia

«I rapporti tra Matteo Salvini e uomini dell’ambasciata russa in Italia continuano ad agitare la politica». Nuova puntata dell’inchiesta di Emiliano Fittipaldi e Giovanni Tizian sui rapporti del leader leghista Matteo Salvini con l’ambasciata russa.


13.00 – Doppio mandato

Ormai manca solo l’ufficialità all’annuncio. Niente deroghe alla regola del doppio mandato per i parlamentari del Movimento 5 stelle. Quasi tutti i big a rischio.

 

© Riproduzione riservata

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.