il-ministro-urso-chiede-un-passo-indietro-ai-benzinai,-assoutenti:-“non-ci-sono-motivi-per-la-serrata”-|-notizie.it

Il Ministro Urso chiede un passo indietro ai benzinai, Assoutenti: “Non ci sono motivi per la serrata” | Notizie.it

Home > Politica > Il Ministro Urso chiede un passo indietro ai benzinai, Assoutenti: “Non ci so…

Non solo lo sciopero confermato ma un “controsciopero” annunciato, il Ministro Urso chiede un passo indietro ai benzinai ed Assoutenti è bellicosa

Pubblicato il

Il Ministro Adolfo Urso chiede un passo indietro ai benzinai e lo fa mentre Assoutenti annuncia contro iniziative e spiega: “Non ci sono motivi per la serrata”.

Il titolare di Imprese e Made in Italy torna ad invocare un ripensamento sulla imminente due giorni, due giorni di sciopero che invece è stata del tutto confermata: il 25 ed il 26 gennaio tutti a secco

Urso chiede un passo indietro 

Le associazioni di categoria non demordono ma Urso ha spiegato che si tratta di “una decisione che danneggia i cittadini. Comunque sul tema c’è un tavolo di confronto che terremo aperto in maniera continuativa finché non ci sarà un riordino del settore”.

Dopo un velato e poco conciliate accenno alle “zone d’ombra che danneggiano coloro che lavorano in piena onestà” Urso ha potuto incassare il sostegno di Assoutenti. 

Assoutenti e la minaccia di un “controsciopero”

L’associazione parla addirittura di un “controsciopero” degli automobilisti: “Lo sciopero dei benzinai va revocato senza se e senza ma, perché sono venute meno tutte le motivazioni che hanno portato i gestori a indire la protesta”.

Furio Truzzi, che di Assoutenti è presidente, ha chiosato: Se lo sciopero dovesse essere confermato, siamo pronti a organizzare iniziative di protesta contro i gestori su tutto il territorio nazionale da parte dei consumatori, compreso un controsciopero degli automobilisti“. 

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

87 − = 86