ictus-cerebrale:-e-possibile-migliorare-la-qualita-del-movimento-dopo-essere-stati-colpiti?-i-dettagli

Ictus cerebrale: è possibile migliorare la qualità del movimento dopo essere stati colpiti? I dettagli

L’ictus cerebrale è responsabile di molti casi di invalidità. E’ possibile provare a migliorare la qualità del movimento subito dopo essere stati colpiti? I dettagli.

ictus cerebrale qualità movimento
Immagine ictus cerebrale (Foto da Pixabay)

L’ictus cerebrale è causato dalla chiusura o dalla rottura di vaso cerebrale. Accade improvvisamente e in assenza di dolore. Stando agli studi condotti dalla Fondazione Umberto Veronesi è una delle prime cause in Italia di invalidità e disabilità.

E’ possibile recuperare le abilità perdute dopo un ictus? Gli studi affermano che vi sono delle speranze in tal senso. Le ricerche condotte sono sempre e in continuo aggiornamento. Proviamo insieme a fare maggiore chiarezza.

Ictus cerebrale, la riabilitazione è in grado di aiutare a recuperare quelle che sono le abilità più colpite

Come accennato in precedenza, la disabilità post ictus è decisamente molto alta. Con i dati alla mano è emerso che solo il 25 % dei pazienti che riescono a sopravvivere sono in grado di guarire completamente, mentre il restante 75 % riporta invalidità.

ictus cerebrale qualità movimento
Sedia a rotelle (Foto da Pixabay)

Una delle primissime conseguenze – come accennato poco fa – riguarda proprio la compromissione motoria. Questo significa che il paziente colpito da ictus perde alcune funzioni importanti e diventando in alcuni casi non più sufficiente. Altro sintomo è l’afasia, ossia un disturbo del linguaggio che altera l’espressione.

E’ proprio su questo aspetto che si stanno concentrando gli studi attuali. Ciò vuol dire che la riabilitazione neuromotoria è un ottimo alleato in tal senso, perché in grado di aiutare il paziente a tentare un recupero di tutte quelle abilità che sono state fortemente compromesse come la coordinazione e l’equilibrio.

Fondamentale l’ausilio e l’intervento di fisioterapisti in grado di potenziare le disfunzioni motorie. L’obiettivo è quello della stimolazione non invasiva del cervello – queste le parole del dottor Grassi. Con stimolazioni elettriche o magnetiche si ottengono ottimi risultati in minor tempo.

LEGGI ANCHE –> Vaiolo delle scimmie: origine e diffusione. C’è realmente da preoccuparsi? I dettagli

LEGGI ANCHE –> Ansia e depressione, le conseguenze negative: rimedi efficaci per affrontarle con

Le tecniche di cui sopra sono attualmente in fase di sperimentazione: i primi test condotti sugli animali hanno riscontrato alcuni miglioramenti nelle abilità motorie.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.