dinsey-vuole-tenere-il-sequel-di-pantera-nera-tutto-per-se-–-tvzoom

Dinsey vuole tenere il sequel di Pantera Nera tutto per sé – TvZoom

Pubblicato il 21/09/2022, 15:04 | Scritto da La Redazione

Dinsey vuole tenere il sequel di Pantera Nera tutto per sé

La casa di Topolino non ha ancora deciso una data di uscita nelle sale cinematografiche francesi per il suo prossimo Blockbuster, Black Panther: Wakanda Forever, previsto per novembre e c’è chi ipotizza un’uscita solo digitale, che farebbe infuriare le sale cinematografiche.

Disney vuole privare le sale di «Black Panther»

Le Figaro, di Caroline Salle, pag. 31

La Disney si prepara a lanciare un brutto incantesimo sui cinema francesi. Il gigante dell’intrattenimento potrebbe infatti privarli del prossimo film Marvel, Black Panther: Wakanda Forever, atteso per il 9 novembre. -Non abbiamo ancora deciso l’uscita nelle sale francesi”, ha dichiarato Disney alla rivista specializzata Le Film français. Un blockbuster la cui prima parte, uscita nel 2018, aveva guadagnato 1,35 miliardi di dollari in tutto il mondo. E ha attirato 3,6 milioni di spettatori in Francia. Se la Disney tiene viva la suspense, è perché intende usare il suo blockbuster per influenzare le discussioni che presto si apriranno su una possibile revisione della cronologia dei media. Una nuova versione di questo insieme di regole, che stabilisce le date in cui i film possono essere proiettati dopo la loro uscita nelle sale cinematografiche, in VOD, in pay-TV, in free TV e in streaming, è stata negoziata dagli operatori del settore e ratificata lo scorso gennaio. Insoddisfatta, Disney non ha firmato l’accordo. Aspettare 17 mesi – rispetto ai 36 precedenti – per offrire i suoi blockbuster sulla piattaforma Disney+? Ancora troppo tempo, dice il gigante americano. Dopo aver staccato la spina al suo prossimo film d’animazione natalizio, Avalonla, The Strange Journey, che sarà offerto direttamente sulla sua piattaforma quest’inverno, la Disney sta ora cercando di far valere il suo peso brandendo la minaccia più seria di privare i cinema di un grande blockbuster.

Spostamento delle linee Messaggio ricevuto? La scorsa settimana, il Ministro della Cultura, Rima Abdul Malak, ha spiegato nel programma “Quotidien” su TMC che stava “cercando di discutere con Disney”. Ha indicato che la cronologia sarà discussa di nuovo, poiché “deve essere spostata un po’”. Domenica, sulla scia di ciò, il Centro Nazionale del Cinema (CNC) ha invitato via e-mail gli operatori del settore a un incontro sul tema il 4 ottobre. Questa è un’opportunità per Disney di spostare le linee. Non sarà l’unico attore ad agire. A differenza di Disney, Netflix ha firmato a gennaio un accordo sulla nuova cronologia dei media: ora può trasmettere i film 15 mesi dopo l’uscita nelle sale, rispetto ai 36 mesi precedenti. “. Questo accordo è il primo passo significativo verso la modernizzazione della cronologia dei media. Riflette il nostro approccio costruttivo durante il processo di negoziazione e il nostro impegno a contribuire al cinema francese”, ha dichiarato un portavoce di Netflix France. Ma questo primo passo non è affatto un traguardo. Quest’estate, invitato a una riunione dell’Associazione dei giornalisti dei media (AJM), Damien Bernet, direttore dello sviluppo di Netflix in Francia, lo ha detto chiaramente. “Questa cronologia non può reggere. Non corrisponde all’uso. Il pubblico ha bisogno di contenuti in tempi rapidi. Metterli su uno scaffale o in frigorifero per 15 mesi non ha senso. Non serve più alle fibre. Tutto il CO che si genera è pirateria”, ha detto.

(Continua su Le Monde)

(Nella foto Pantera Nera: Wakanda Forever)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.