ciliegie-sciroppate

Ciliegie sciroppate

Le ciliegie sciroppate sono un grande classico: si tratta di una tradizionale conserva fatta in casa di quelle di una volta, che in pochi fanno ancora ma che secondo me merita ancora tanto. Sono infatti una perfetta aggiunta come guarnizione di torte e gelati, ma anche un modo delizioso per concludere un pasto con un tocco di dolce golosità. Insomma, sperando che vogliate provare a cimentarvi, vi lascio alla ricetta e ci leggiamo più tardi 😉

Procedimento per preparare la ciliegie sciroppate

Innanzitutto sterilizzate i vasetti che userete (qui la guida per farlo al meglio).
Lavateli bene, quindi fateli bollire in una pentola capiente piena d’acqua (assicurandovi che ci sia acqua anche dentro ai vasetti) per almeno 30 minuti.
Una volta passati almeno 30 minuti spegnete e lasciate raffreddare, poi estraeteli e lasciateli asciugare a testa in giù su un canovaccio pulito (senza quindi asciugarli con un panno).

Passate ora alla pulizia delle ciliegie: lavatele, asciugatele ed eliminate picciolo e nocciolo.

Preparate lo sciroppo sciogliendo lo zucchero nell’acqua e poi portandolo a ebollizione (senza farlo caramellare), quindi lasciatelo intiepidire leggermente.

Distribuite le ciliegie nei vasetti, cercando di non lasciare troppi spazi vuoti ma senza schiacciarle troppo.
Versate quindi lo sciroppo sopra alle ciliegie, agitando ogni tanto il vasetto per far uscire l’aria, riempiendolo fino a 1-2 cm dal bordo, quindi chiudete bene con i coperchi e procedete con la bollitura, facendoli bollire per almeno 10 minuti.
Lasciate raffreddare a testa in giù e poi conservate al buio per almeno 30 giorni prima di assaggiare.

Le ciliegie sciroppate sono pronte, non vi resta che provarle e usarle per tutte le vostre preparazioni, consumandole entro 1 settimana una volta aperte (conservate in frigo) o entro 4-5 mesi se conservati al buio in vasetto sottovuoto.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.