bengalesi-in-allarme-contro-le-violenze-a-jesolo

Bengalesi in allarme contro le violenze a Jesolo

La comunità di bengalesi a Jesolo è in allarme e annuncia un incontro con le istituzioni per chiedere sicurezza e denunciare anni di ingiustizie subite. Culminate sabato pomeriggio con l’aggressione nel suo negozio in Piazza Brescia a Kamal Roton, un commerciante di 44 anni, finita con la rottura del setto nasale.

Aggressività verso i commercianti bengalesi

Per l’episodio sono stati fermati due diciassettenni e un diciottenne, ma i bengalesi non si sentono sicuri. Dicono che nel corso degli anni l’aggressività nei loro confronti è peggiorata.

Nel 2019 una situazione simile si era creata anche a Mestre. I commercianti bengalesi erano entrati nel mirino delle baby gang. Un corteo di protesta e indagini serrate della questura hanno fermato il fenomeno.

Ma ora tocca a Jesolo. Una città che soffre di mancanza di personale nel settore della ricezione, se non si aggrava è proprio per la disponibilità dei bengalesi. I commercianti denunciano da anni furti, litigi e prevaricazioni. I prezzi vengono sempre messi in discussione, cosa che non avviene nei negozi gestiti dagli italiani.

Il neo sindaco Christofer De Zotti ha annunciato l’impegno per tutelare cittadini, imprese e turisti. Proprio il problema del personale è una delle priorità del neo presidente degli albergatori Pierfrancesco Contarini.

Pierfrancesco Contarini, Presidente AJA – Associazione Jesolana Albergatori

“Penso che il mondo del lavoro sia uno dei nostri problemi. La foresteria è un altro dei temi a noi tanto cari. Dunque cercheremo di ridiscutere questi temi anche con l’Amministrazione Comunale”.

L’articolo Bengalesi in allarme contro le violenze a Jesolo sembra essere il primo su Venezia Radio TV.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.