Ambiente ed economia civile, a Povegliano prima passi verso le Comunita’ Energetiche Rinnovabili – Il Giornale dei Veronesi

Una soluzione concreta, solidale, sostenibile al problema energia c’è, e Povegliano veronese si appresta a metterla in pratica. Milioni di persone (in Italia e non solo) si interrogano su come affrontare l’attuale crisi e le difficoltà che ne derivano ed in risposta agli stessi quesiti l’Amministrazione comunale ha deciso di avviare un percorso di condivisione, informazione con i cittadini per la creazione di una CER, una Comunità Energetica Rinnovabile. Le CER nascono ‘legalmente’  col DLGS 199 del 2021 e possono essere costituite da un gruppo di cittadini, enti religiosi, enti pubblici, PMI e associazioni, tutti uniti per integrare una rete di impianti e condividerne l’energia – rinnovabile – prodotta. “Sono alle porte nuove criticità sociali come la povertà energetica ad esempio – spiega la sindaca Roberta Tedeschi – e ci siamo chiesti quale risposta può dare il comune. Non possiamo certo incidere sull’origine dei problemi, che sono ben oltre le nostre forze e competenze, ma possiamo contribuire alla soluzione”. Una soluzione che coinvolge l’intera comunità di Povegliano compresa la Parrocchia, dato che sono ambiti questi che si sposano perfettamente anche con i dettami della Laudato Si’, la straordinaria enciclica di Papa Francesco sui temi dell’ecologia e della sostenibilità. “Con Don Giorgio Costa e la parrocchia c’è stata subito grande unità d’intenti – conferma la prima cittadina – sia per quanto riguarda il progetto in sé che per la volontà di farlo diventare qualcosa di profondamente comunitario. Abbiamo coinvolto le associazioni e tutte le realtà del paese, ed ora sarà la volta della cittadinanza”. E’ per questo che il Consiglio Comunale (maggioranza e minoranza insieme) e la Parrocchia organizzano un doppio appuntamento dal titolo “Gocce di Comunità – Riflessioni di economia civile, etica e transizione energetica”, con 2 ospiti di valore assoluto. Si inizia Giovedì 24 novembre alle ore 18:00 nel teatro parrocchiale in p.zza IV Novembre con Don Bruno Bignami, docente di teologia morale e direttore dell’ufficio dottrina sociale e lavoro della CEI, che dialogherà con il prof. Riccardo Milano, socio fondatore di Banca Etica. Il secondo appuntamento sarà invece Mercoledì 30 sempre alle 18:00 in teatro col Prof. Zamagni, vero e proprio luminare dell’economia e accademico di fama internazionale, intervistato dalla giornalista Fabiana Bussola, presidente dell’associazione culturale Heraldo. “È un privilegio – precisa la sindaca – ospitare Don Bignami e il prof. Zamagni, per una riflessione su tematiche fondamentali come l’economia civile, l’etica e la transizione energetica, per capire il valore di “comunità” come primo passo di un percorso verso le Comunità Energetiche”.

Related Posts