a-basaldella-nasce-il-progetto-prealpinoexpo-|-il-friuli

A Basaldella nasce il progetto Prealpinoexpo | Il Friuli

Rilanciare la filiera del legno-arredo puntando su prodotti artigianali ad alto valore aggiunto. È questo l’obiettivo del progetto Prealpinoexpo, una esposizione di prototipi realizzati da maestri artigiani friulani, inaugurata oggi a Basaldella alla presenza del presidente del Consiglio regionale.

Si parte da un problema di fondo, come hanno spiegato gli organizzatori della rassegna Foreste Prealpine, Studio Romanelli e Keep Point, ovvero le difficoltà che si incontrano nell’utilizzare il legno delle Prealpi friulane. Se è vero infatti che ogni anno la superficie boschiva di 320mila ettari regala 1 milione di nuovi metri cubi, di questo capitale si riesce a utilizzare solo il 15-20 per cento per colpa della frammentazione della proprietà fondiaria, di piccole dimensioni e in gran parte in mano ai privati.

L’idea è allora quella di costruire reti di imprese, puntare sulla certificazione – obiettivo non facile, visto che un quarto del legno che gira nel mondo è di provenienza illegale – e commercializzare anche on line oggetti di pregio come quelli che resteranno esposti a Basaldella, in strada dell’Artigiano, fino al 30 settembre.

Si tratta di un progetto innovativo, ha commentato la massima carica dell’Assemblea legislativa regionale, che fornisce un’interessante risposta alla crisi della globalizzazione, quel modello di filiera lunga che ci portava ad acquistare prodotti realizzati in ogni angolo del mondo, provocando disuguaglianza economica e sfruttamento, e impoverendoci dal punto di vista manifatturiero come hanno dimostrato gli anni del Covid.

La Regione, ha osservato ancora il presidente, è già intervenuta con una norma per favorire le associazioni di proprietari fondiari, ed è vicina a ogni iniziativa che punti a valorizzare la qualità dell’artigianato Fvg, con prodotti ad alto valore aggiunto in grado di fare breccia nei mercati di nicchia. La stessa storia dell’area della Sedia nel Manzanese dimostra che è necessario puntare sul design di qualità per non rimanere sopraffatti dalla concorrenza di altri Paesi sui prodotti a basso prezzo. Filiera corta, alto valore aggiunto e sistema di imprese diventano allora le parole d’ordine per il rilancio del settore.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.